Odoardo Beccari

naturalista e botanico italiano (1843-1920)

Odoardo Beccari (1843 – 1920), naturalista e botanico italiano.

Odoardo Beccari

MalesiaModifica

 
Frontespizio di Malesia

IncipitModifica

Una predilezione speciale per le piante di questa famiglia, mi ha fatto sempre ricercare con cura i suoi rappresentanti, conservarne saggi disseccati in erbario più completi assai di quello che soglia farsi ordinariamente, e quasi sempre prendere nota sul vivo delle forme, che mi offrivano probabilità di esser poco o punto conosciute. Ecco le ragioni che mi hanno indotto a incominciare lo studio delle piante papuane dalle Palme. A ciò altresì mi avrebbe consigliato, e la ingente quantità di forme assolutamente nuove che ho avuto la fortuna di scuoprire, e ancora l'interesse speciale che le Palme offrono sotto il rapporto della loro distribuzione geografica. È anzi sotto questo punto di vista, che alcune particolarità inerenti ai rappresentanti di questa famiglia, contribuiscono a rendere in particolar modo istruttivo il loro esame.

CitazioniModifica

  • Le Palme sono quasi sempre piante che hanno dei frutti di difficile disseminazione, perché non trasportabili dal vento, e perché, in generale poco graditi agli Uccelli, a quanto almeno mi è parso; solo la loro forma più o meno globosa, contribuisce ad allontanarli dal luogo da dove caddero al suolo. Alcune specie sembrano posseder semi che lungamente possono resistere all'azione dell'acqua salata, e quindi adatti ad esser trasportati da una spiaggia all'altra, che appena approdate, trovino il terreno propizio al loro sviluppo [...]. (p. 9)
  • I Casuar alla Nuova Guinea inghiottono qualunque specie di frutto di Palma che sia niente niente carnoso, trasportandolo a considerevole distanza, ed alle isole Aru io ho visto nei loro escrementi, dei grumi di semi di Orania Aruensis, che pure hanno, ognuno di essi, un diametro dai 55 ai 60 mill. (p. 9)

Incipit di Le palme della Nuova CaledoniaModifica

Le Palme indigene nella Nuova Caledonia non sono molte, ma in compenso sono assai caratteristiche e tutte sono endemiche. La sola Veitchia arecina appartiene ad un Genere che ha alcuni altri rappresentanti fuori dei confini della Flora neocaledonica; tutti gli altri generi le sono particolari, sebbene mostrino notevoli affinità con altre Palme proprie dei gruppi d'isole polinesiane più prossimi. È un fatto degno di nota che, ad eccezione della Pritchardiopsis Jennencyi Becc. appartenente alla Tribù delle Coryphae, tutte le altre Palme indigene della Nuova Caledonia sono delle Areceae e che manca qualunque rappresentante delle Lepidocaryea.

BibliografiaModifica

  • Odoardo Beccari, Le palme della Nuova Caledonia, in Ugolino Martelli, Webbia: raccolta di scritti botanici, vol. 5, Tipografia M. Ricci, Firenze, 1921.
  • Odoardo Beccari, Malesia, vol. 1, Tipografia del R. Istituto Sordo-muti, Genova, 1877.

Altri progettiModifica