Noemi (Bibbia)

personaggio biblico, suocera di Rut

Noemi, o Naomi, personaggio biblico, suocera di Rut.

Rut giura fedeltà a Noemi (J. Victors, 1653)

Citazioni di NoemiModifica

Libro di RutModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • [Rivolta alle nuore Rut e Orpa, rimaste vedove] Andate, tornate ciascuna a casa di vostra madre; il Signore usi bontà con voi, come voi avete fatto con quelli che sono morti e con me! Il Signore conceda a ciascuna di voi di trovare riposo in casa di un marito. [...] Perché verreste con me? Ho io ancora figli in seno, che possano diventare vostri mariti? [...] No, figlie mie; io sono troppo infelice per potervi giovare, perché la mano del Signore è stesa contro di me.
  • Non mi chiamate Noemi, chiamatemi Mara, perché l'Onnipotente mi ha tanto amareggiata! Io ero partita piena e il Signore mi fa tornare vuota. Perché chiamarmi Noemi, quando il Signore si è dichiarato contro di me e l'Onnipotente mi ha resa infelice?
  • [Rivolta a Rut] Figlia mia, non devo io cercarti una sistemazione, così che tu sia felice? Ora, Booz, con le cui giovani tu sei stata, non è nostro parente? Ecco, questa sera deve ventilare l'orzo sull'aia. Su dunque, profumati, avvolgiti nel tuo manto e scendi all'aia; ma non ti far riconoscere da lui, prima che egli abbia finito di mangiare e di bere. Quando andrà a dormire, osserva il luogo dove egli dorme; poi va', alzagli la coperta dalla parte dei piedi e mettiti lì a giacere; ti dirà lui ciò che dovrai fare.

Citazioni su NoemiModifica

  • E le donne dicevano a Noemi: "Benedetto il Signore, il quale oggi non ti ha fatto mancare un riscattatore perché il nome del defunto si perpetuasse in Israele! Egli [Obed] sarà il tuo consolatore e il sostegno della tua vecchiaia; perché lo ha partorito tua nuora che ti ama e che vale per te più di sette figli". Noemi prese il bambino e se lo pose in grembo e gli fu nutrice. E le vicine dissero: "È nato un figlio a Noemi!". (Libro di Rut)

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Donne: accedi alle voci di Wikiquote che trattano di donne