Nobile Contrada dell'Oca

contrada di Siena

Citazioni sulla Nobile Contrada dell'Oca.

  • Chiama alle armi.
Strada della Contrada dell'Oca con le bandiere della contrada
Clangit ad arma. (motto)
  • Nel tempo, che in questa Chiesa [del Crocifisso di S.Caterina] si adunavano gli Uomini di Arme spiegavano per insegna un'Oca bianca in campo verde, la quale impresa serve oggi alla Contrada di Fontebranda. Questa Contrada piglia denominazione dall'antica Famiglia de' Brandi, che molto vi fabbricò (Mem. della Chiesa), e particolarmente nell'anno 1217. quella celebre Fontana, che dà l'acqua a tanti edifizj, e di cui Dante fece menzione. Fontebranda è illustre fra tutte le altre contrade della Città per averla abitata persone di gran fama. (Girolamo Gigli)
  • Per me la Contrada è più d'una casa. Quando vengo a Siena ci torno sempre a visitare la stanza dell'abitazione dove sono nata, in via delle Terme, all'angolo con via Santa Caterina, al secondo piano, e mi pare di ritrovare la sorgente di tutta la mia vita. Fui battezzata dell'Oca prima della cerimonia ufficiale. Appena nacqui fu Jolanda a sventolarmi addosso la bandiera dai tre colori. Ne fui avvolta e il fruscio di quella bandiera fu la prima musica che mi entrò in testa. (Gianna Nannini)

Inno ufficialeModifica

  • Di Siena nostra gentile e bella | siamo il vanto, siam l'onor. | All'Oca amata, vivida stella, | con passion doniamo il cuor. | Di Fontebranda fiera e guerriera, | siamo gli araldi senza timor, | siamo la Contrada la più battagliera, | forte col nerbo e salda nel cuor.[1]
  • Siam delle conce, siam del macelli, | ma abbiam un cuore grosso così | però anche in piazza siamo i più belli, | tutte le citte ci dicon di sì. | Quando pel Palio nella grande Piazza, | passa abbagliante il Paperon, | nel veder noi la folla impazza, | con gli occhi accesi di ammirazion.[1]
  • Ci si strafotte delle fischiare, | ci fanno un baffo, poveri chiù, | la maggior parte son smanacciate | e l'Oca esulta sempre di più.[1]

NoteModifica

  1. a b c Versi di Ivo Borghesi e Alberto Servadio.

Altri progettiModifica