Meo de' Tolomei

scrittore e poeta italiano

Meo de' Tolomei (1260 circa – 1310 circa), scrittore e poeta italiano.

Incipit di alcune opereModifica

RimeModifica

I' son sì magro, che quasi tralucoModifica

I' son sì magro, che quasi traluco,
de la persona, ma più de l'avere;[1]
amico né parente ho, che vedere
mi voglia, sol per ch'or non vesto il luco

Mie madre disse l'altrier parol'unaModifica

Mie madre disse l'altrier parol'una
la qual mi piacque a dismisura molto:
che s'ella m'ha di mio argento tolto,
di farmene ragion tiell'una pruna.

Su lo letto mi stava l'altra seraModifica

 Su lo letto mi stava l'altra sera
e facea dritta vista di dormire:
ed i vidi mia madr'a me venire
empiosamente, con malvagia cèra.

Quando 'l Zeppa entra 'n santo, usa di direModifica

Quando 'l Zeppa entra 'n santo, usa di dire:
— Die sì vi dea 'l buon dì, domine Deo!
e sì si segna, che quasi morire
fa ciascuno, che vede l'atto seo.

Boccon in terr'a piè l'uscio di PinaModifica

Boccon in terr'a piè l'uscio di Pina,
dipo le tre trovai Min Zeppa stare;
ed i' mi stett'e comincia' ascoltare,
e seria stato infine a la mattina

Per cotanto ferruzzo, Zeppa, dimiModifica

— Per cotanto ferruzzo, Zeppa dimi
se ti facesse fuggir ogne cria.
— I' ti rispondo e dicoti che sì mi;
fu ben perfetta la risposta mia?

El fuggir di Min Zeppa, quando senteModifica

El fuggir di Min Zeppa, quando sente
i nimici, si passa ogni volare;
e Pier Faste', che venne d'oltre mare
in una notte 'n Siena, fe' nïente
a rispetto di lui, che veramente
il su' fuggir si può dir millantare.

Se tutta l'otrïaca d'oltre mareModifica

Se tutta l'otrïaca d'oltre mare,
e quant'ha in Genova di vernaccino
fosser raunate nel corpo di Mino,
il qual si solea far Zeppa chiamare

Per Die, Min Zeppa, or son gionte le tueModifica

Per Die, Min Zeppa, or son gionte le tue;
or ti difendi, se sai, d'esto motto:
che ti fu dato d'un matton biscotto
nel capo, ch'e' ne seria mort'un bue

Se 'l capo a Min Zeppa fosse tagliatoModifica

Se 'l capo a Min Zeppa fosse tagliato,
come del giuoco d' Uvil n'afferria,
ché 'l capo da lo 'mbusto partiria,
e può ritorniere' nel primo stato

Mia madre m'ha 'ngannat'e CiampolinoModifica

Mia madre m'ha 'ngannat'e Ciampolino
non s'ha dtenute le man a centura:
ch'e' mi soleva dir com' gran ventura
si contirie morir me a 'ssessino

Da te parto 'l mie core, CiampolinoModifica

Da te parto 'l mie core, Ciampolino,
e se no' fummo giamma' dritt'amici,
ora sarem mortalmente nemici,
per che del mie mi nieghi più che Mino

Io feci di me stesso un CiampolinoModifica

Io feci di me stesso un Ciampolino,
credendomi da lui esser amato;
ed eravam, di du', un dal meo lato
e dal su' Pier e Giovanni e Martino

Se tu se' pro' e forte, CiampolinoModifica

Se tu se' pro' e forte, Ciampolino,
ora m'avveggio che bisogno n' hai,
ch' i' veggio venir Tes', e tu 'l vedrai,
se tu pon' mente ver' San Pellegrino.

Sì se' condott'al verde, CiampolinoModifica

Sì se' condott'al verde, Ciampolino,
che già del candellier hai ars'un poco;
a mal tuo grado rimarrai del gioco,
poi t'han condotto sì i dadi del mino.

Caro mi costa la malinconiaModifica

Caro mi costa la malinconia,
ché per fuggirla, son renduto a fare
l'arte disgraziata de l'usurare,
la qual consuma la persona mia.

Le gioi' ch'i' t'ho recate da VenezaModifica

– Le gioi' ch'i' t'ho recate da Veneza,
prendi, Ghinuccia, può ch'aprir non vuo'mi.
– Sappi, Meo, che da me a te ha screza,
sì che tu non vedrai come tu suo'mi.

A nulla guisa me posso soffrireModifica

A nulla guisa me posso soffrire
ch'ëo non comenze a dire
de Min Zeppa ciò che men par sentire:
come se crede en gran pregio venire
per lo solo scremire,
e 'n una dass'al fuggire
quando vede apparire
li nemici; già retro non se mira.

NoteModifica

  1. I primi due versi sono identici a quelli di un sonetto di Cecco Angiolieri: Rime, LXXIII. Cfr. AA.VV., Poesia comica del medioevo italiano, a cura di Marco Berisso, Bur, p. 212. ISBN 8858631161

BibliografiaModifica

  • Meo de' Tolomei, Rime, in "Poeti giocosi del tempo di Dante", a cura di Mario Marti, Rizzoli, Milano, 1956.

Altri progettiModifica