Matilde di Hackeborn

religiosa e mistica tedesca

Matilde di Hackeborn, o di Helfta (1240 circa – 1298), religiosa e mistica tedesca.

Matilde di Hackeborn

Citazioni di Matilde di HackebornModifica

  • Poi quel sommo Cantore, con la sua divina voce i cui accenti sono ben superiori ad ogni armonia celeste, volle incantare la sia Filomela[1] che tante volte aveva attirato il divin Cuore per la tenera devozione più che per l'incanto della sua voce.[2]
Tunc [...] ipse Cantor cantorum omnium, suavissima voce omnemque humanam capacitatem supergredienti melodia, Philomenæ suæ, quaæ toties ei dulciter cantando, multo magis devota intentione quam sonoritate vocis [...].[3]

NoteModifica

  1. Philomela in latino significa usignolo: volle incantare il suo usignolo.
  2. Da Il Libro della Grazia Speciale, Documenta Catholica Omnia, prefazione di Ildefonso Schuster, traduzione di M. Andreoletti, p. 230.
  3. (LA) Da Liber specialis gratiæ, in Revelationes gertrudianae ac mechtildianae. II. Sanctae Mechtildis virginis ordinis sancti Benedicti Liber specialis gratiae. Accedit sororis Mechtildis eiusdem ordinis Lux divinitatis. Opus ad codicum fidem nunc primum integre editum solesmiensium O.S .B. monachorum cura et opera, apud H. Oudin fratres, 1877, Libro I, parte settima, cap. XI, p. 405.

Altri progettiModifica