Mark Iuliano

allenatore di calcio ed ex calciatore italiano

Mark Iuliano (1973 – vivente), allenatore di calcio ed ex calciatore italiano.

Citazioni di Mark IulianoModifica

  • [Sul "caso Iuliano-Ronaldo" in Juventus-Inter 1-0 del 26 aprile 1998] Gli interisti si attaccarono a quell'episodio per giustificare la sconfitta, dimenticando che prima di quell'episodio c'erano due rigori per noi. Oltretutto il rigore avrebbe dovuto essere segnato e inoltre la gara sarebbe finita 1-1, ergo la Juve sarebbe comunque rimasta in testa. Invece è stata fatta passare un'altra verità...[1]
  • Il mio esordio con la Juve indimenticabile. In A non giocai contro la Reggiana. Poi mercoledì affrontavamo il Manchester [in Champions League]. Il mister [Marcello Lippi] mi disse: «Giochi e devi marcare quello col colletto alzato». Quindi passai dalla B direttamente a marcare Cantona.[2]
  • Lippi sapeva leggere le partite, non sbagliava una scelta e non urlava. Ancelotti si faceva voler bene nello spogliatoio. Capello voleva l'attenzione alta, con lui in campo era normale e allora non seguiva gli allenamenti.[3]
  • Quando va tutto bene hai mille persone attorno, poi resti solo. Non mi sento vittima del mio lavoro, ho sempre fatto vita riservata. Dopo la squalifica [per uso di cocaina] ero incuriosito dal mestiere di allenatore, sono andato a Coverciano per imparare a lavorare con i giovani ed è stato fantastico.[3]

NoteModifica

  1. Dall'intervista di Nicolò Schira, Iuliano: "Domani mi aspetto un bella vittoria. Altre squadre avvantaggiate, ma si parla degli arbitri solo quando c'è di mezzo la Juve. Il rigore su Ronaldo...", Tuttojuve.com, 2 novembre 2012.
  2. Da un'intervista a Juventibus.com; citato in Stanislav Butrim, Iuliano ricorda l'esordio con la Juventus: "Passai direttamente dalla Serie B a marcare Cantona", Tribuna.com, 4 aprile 2020.
  3. a b Dall'intervista di Nicola Binda, Miracolo Iuliano: «Latina, mi rovini. A ogni vittoria pago una cena», La Gazzetta dello Sport, 25 febbraio 2015, p. 25

Altri progettiModifica