Apri il menu principale

Wikiquote β

Maria Konopnicka

poetessa, scrittrice e saggista polacca
Maria Konopnicka

Maria Konopnicka (1842 – 1910), poetessa, scrittrice, saggista e traduttrice polacca, conosciuta anche con vari pseudonimi come Jan Sawa.

ItaliaModifica

  • Lo splendore lunare in silenzio si posa su l'onde, | la notte respira nella pace della luce diffusa... | Laggiù tra gli argentei vapori, nella lontananza, | non è Egli dunque, non è il Cristo che sul mare di nuovo cammina? | [...] | Un nuvolo di mani levate trema nella trasparenza lunare, | e per gli abissi del mare un pianto risuona e singhiozza. (da Notte a Nervi, p. 162)
  • Lascia ora errare gli occhi per la nebbiosa pianura sconfinata, | e ascolta, come dal Molo a Portofino toccate | tremano le argentine corde della cetra del mare. (da Molo Lucedio, p. 170)
  • Ed ecco un lampo d'oro largamente risplende... | Là, presso il grande Scoglio, spiriti si adunano? | S'appressa vogando una piccola nave, una seconda, una terza... | La parola d'ordine: «I Mille» si ode nel fragore della tempesta. (da Grande scoglio, p. 180)

BibliografiaModifica

  • Maria Konopnicka, Italia, traduzione di Cristina Agosti Garosci e Clotilde Garosci, Istituto per l'Europa Orientale, Roma, 1929.

Altri progettiModifica