Apri il menu principale

Citazioni sul male minore.

Proverbi italianiModifica

  • A chi è caduto nel fuoco, non gli dà più noia il fumo.
  • Bisogna lasciare il male nel suo nido, quando ne può nascere uno peggiore.
  • Chi fugge il lupo, inciampa nell'orso.
  • Chi ha paura del legno, sarà colpito dal ferro.
  • Chi non vuol dar la pecora, perde la vacca.
  • Chi si ripara sotto la frasca, ha quella che piove, e quella che casca.
  • Col poco si vive e col niente si muore.
  • È meglio cadere dalla finestra che dal tetto.
  • È meglio dar la lana che la pecora.
  • È meglio essere mal vestito che nudo.
  • È meglio essere senza cucchiaio che senza zuppa.
  • È meglio perder l'ancora che la nave.
  • È meglio perder la camicia che la pelle.
  • È meglio perdere la sella che il cavallo.
  • È meglio perdere un dito, che la mano.
  • È meglio piede bagnato che testa rotta.
  • È meglio piegare che rompere.
  • È meglio rompersi una gamba che il collo.
  • È meglio star sotto la pioggia, che sotto la grondaia.
  • È meglio un moccolo, che andare a letto al buio.
  • Meglio cascar dall'uscio, che dalla finestra.
  • Meglio così che peggio.
  • Meglio guercio che cieco.
  • Meglio piccolo insulto che grave danno.
  • Meglio poco che nulla.
  • Meglio qualcosa di crudo che nulla di cotto.
  • Meglio smarrire la strada, che cader nella fossa.
  • Meglio tardi che mai.
  • Meglio un osso che niente carne.
  • Meglio una cattiva ora che un cattivo giorno.
  • Molti fuggono da una disgrazia, e s'incappano in due.
  • Molti sfuggono ad una piccola pioggia, e incappano poi in una grande.
  • Non far male a chi ti può far peggio.
  • Non va mai tanto male che non possa andar peggio.
  • Ognuno ha il suo affanno.
  • Per fuggire il fumo, non si deve saltar nel fuoco.
  • Quando il male preme, ci spaventa il peggio.
  • Se hai perso l'anello, bada che hai sempre le dita.

BibliografiaModifica