Lodovico Martelli

poeta italiano

Lodovico Martelli (1503 – 1531), poeta italiano.

Citazioni di Lodovico MartelliModifica

  • Chi potesse vedere il bel paese, | ov'or si trova, Amor, la donna mia, | nuovo piacer di veder quivi avria, | vie più ch'altrove, il ciel largo e cortese. | Piangendo il rosignuol l'antiche offese, | cria soave, angelica armonia, | e, con la dolce e cara compagnia | rinovella d'Amor l'ardenti imprese. | Quanti animai sovra l'erbette e i fiori | di ch'ora il luogo a grando'nor s'adorna, | fanno a l'aura gentil vezzosi balli? | Quanti pesci entro i liquidi cristalli | dann'opra ai lor felici e lieti amori, | or che la vita mia fra lor soggiorna? (da Stanze in lode delle donne, vv. 1-14)

Stanze a Vittoria marchesa di PescaraModifica

IncipitModifica

Se quelle rime ond'io cantai d'amore
Parvero al mondo assai leggiadre e rare,
Ben devean procacciarsi alto favore
Dolce scaldando il ciel, la terra e 'l mare:
Era 'l soggietto pur degno d'onore,
Di parole vestito anco men chiare.
I' lodai 'l bello e 'l buono, e lodai quella
Che per mia pace esser devea men bella.

CitazioniModifica

  • Ben potrei ragionar | Ma per più non | A che più lass'affannar | Ch'or di mia tema | Io non vo' più celar questo | A mio voler d'ogni mio ben | Di sì bella cagion sì bello è 'l pianto, | Che farà quello a me ch'ad altri io canto. (CXXV)

Incipit di TulliaModifica

ATTO I

 Lucio
O più degli occhi miei caro fratello,
Che del nostro avo antico il nome serbi
E la speranza ancor d'ogni nostr'opra,
Or puoi tu ben veder l'alta Cittade
Di che mostravi aver tanto disio.

BibliografiaModifica

  • Lirici del Cinquecento, a cura di Luigi Baldacci, Longanesi, 1975.

Altri progettiModifica