La danza delle luci

film del 1933 diretto da Mervyn LeRoy

La danza delle luci

Immagine MainTitle2GoldDigs1933Trailer.jpg.
Titolo originale

Gold Diggers of 1933

Lingua originale inglese
Paese Stati Uniti d'America
Anno 1933
Genere commedia, musicale
Regia Mervyn LeRoy
Soggetto dalla commedia di Avery Hopwood
Sceneggiatura

Erwin Gelsey e James Seymour

David Boehm e Ben Markson (dialoghi)
Produttore Jack Warner
Interpreti e personaggi
Note

La danza delle luci, film del 1933 con Ginger Rogers, regia di Mervyn LeRoy.

FrasiModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Io devo riesumare il mio sex appeal e visto come sto non sarà molto semplice! (Trixie)
  • Prendi una bara e giaci insieme a tutti noi! (Barney)
  • Conosco questo tipo di donne: sono come sanguisughe, cercatrici d'oro. [...] Rammento la mia lontana gioventù in cui percorsi i sentieri peccaminosi di Broadway. Là appresi l'amara verità che ogni donna di teatro è una sfruttatrice, una sanguisuga avida soltanto di denaro. (Peabody)
  • Fanny H. Peabody. Il tipo d'uomo che cercavo: molti quattrini e poca resistenza. (Trixie)

DialoghiModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Carol: E questa è la quarta scrittura in due mesi che vedo svanire.
    Trixie: Ora chiudono prima d'aprire.
    Fay: È la Depressione, dolcezza.
  • Trixie: Oh, rimpiango i bei tempi in cui quella sveglia ci svegliava... I bei vecchi tempi in cui c'era da lavorare.
    Polly: E va bene, alziamoci e cerchiamo lavoro. Mi seccherebbe molto morire di fame.
    Trixie: Però puoi crepare comodamente a letto.
  • Barney: Ho in mente un numero cantato per te, bellezza, che farà impazzire il pubblico: qualcosa di nuovo, di diverso.
    Trixie: Di che tratta la rivista?
    Barney: Della Crisi, della Depressione.
    Carol: Allora non ci servono prove.
  • Trixie: Ci sarà una parte comica per me nello show?
    Barney: Eccome! Ci sono aspetti gai, seri e impegnati, i lati divertenti e cinici della Depressione! Rideranno come matti mentre tu crepi di fame, cocca! Non sarai mai stata così divertente!
  • Trixie: Riesci a vedere là?
    Fay: Vedere cosa?
    Trixie: Leggi dove dice "uscita"?
    Fay: "Uscita"
    Trixie: L'hai detto. Comincia a camminare e non fermarti.
  • Carol: Carol: ecco il mio nome. Un comune e volgare Carol. Figlia di un gestore di una bettola e di una donna che lavava per gli altri. Carol cantava al luna park di Coney Island. Comune e volgare!
    Lawrence: Ogni volta che dirai "comune e volgare" ti bacerò.
    Carol: Comune e volgare. [lui la bacia] Comune e volgare. [la bacia ancora] Comune e volgare... [e ancora]

Altri progettiModifica