Apri il menu principale

Júlio César Soares Espíndola

ex calciatore brasiliano
Júlio César

Júlio César Soares Espíndola (1979 – vivente), calciatore brasiliano.

Citazioni di Júlio CésarModifica

  • [Riferendosi a Massimo Moratti] Il nostro presidente è una persona importante per noi, il simbolo dell'Inter, una persona che sarà sempre vicina a noi, nei momenti belli e in quelli meno belli.[1]
  • La prima volta che ho indossato la maglia dell'Inter, ho capito subito che la squadra aveva tanti tifosi appassionati e che era la squadra perfetta per poter realizzare tutto quello che sognavo da bambino.[2]
Dal programma televisivo Undici, Italia 2; citato in Julio Cesar: "L'Inter mi ha ferito", Sportmediaset.it, 29 ottobre 2012
  • Non lo nascondo, sono triste per come l'Inter si è comportata con me. Ci sono rimasto male, mi aspettavo qualcosa di diverso ma ormai è passato e ho chiarito di persona col presidente Moratti.
  • [Sulla Juventus] La odio ma solo perché è stata la squadra che mi ha fatto impazzire di più in Italia. Non riuscivo quasi mai a batterla e questa cosa mi ha fatto impazzire.
  • Gli arbitri sbagliano con tutti, ma quando lo fanno con la Juve la gente pensa male per quello che è successo in passato. Chi deve arbitrare la Juventus ha addosso molta più pressione degli altri.
  • Il 22 maggio 2010, finale di Madrid contro il Bayern, è stato il momento più bello della mia carriera. Il Mondiale in Sudafrica quello più brutto
  • Josè è molto intelligente e sa far rendere i giocatori al 110%. Sa trasmettere la sua voglia di vincere sempre, è stato il segreto di quei successi in nerazzurro.
  • Stramaccioni? Rivedo in lui qualcosa di Mourinho, ha la stessa voglia di vincere.

Citazioni su Júlio CésarModifica

  • Buffon è il migliore al mondo ma anche Julio Cesar è un campione e un mostro nel suo ruolo vale come per Buffon. (Emiliano Viviano)

NoteModifica

  1. Dall'intervista rilasciata ad Inter Channel il 28 ottobre 2011
  2. Citato in Il testo integrale della lettera di Julio Cesar, fcinternews.it, 31 agosto 2012.

Altri progettiModifica