Apri il menu principale

In nome del Papa Re

film del 1977 diretto da Luigi Magni

In nome del Papa Re

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

In nome del Papa Re

Lingua originale italiano
Paese Italia
Anno 1977
Genere storico, drammatico
Regia Luigi Magni
Sceneggiatura Luigi Magni
Interpreti e personaggi
Note
Musiche: Armando Trovajoli

In nome del Papa Re, film italiano del 1977 con Nino Manfredi, regia di Luigi Magni.

FrasiModifica

  • Qui non finisce perché arrivano gli italiani, qui arrivano gli italiani proprio perché è finita. (Colombo)
  • Per quello che me ne frega a me... [si mette a origliare alla porta] (Perpetuo)
  • D'altra parte, io come lo crescevo? Lo mandavo alla caccia alla volpe, lo allevavo tra servi e carrozze, lo facevo diventare come il conte Ottavio... un imbecille. (Contessa)
  • I figli so' diversi, e noi, invece d'esse' contenti che non ce somigliano, li volemo fa' diventa' come noi che, poi, manco se piacemo. (Colombo)
  • Non vorrei influenzare le vostre libere decisioni. Ora, a voi il giudizio. Chi si pronuncia per la pena di morte risponda "sì", chi è contrario risponda "no"... e che Dio lo perdoni. (presidente del tribunale)
  • Sembra ieri che i leoni ce se magnavano ar Colosseo! [alludendo all'età media dei giudici del tribunale] (Colombo)
  • Voi, magari, ve credete che stamo ancora qui a giudica' Giordano Bruno ma, quando cambiano i tempi, ottimi padri, cambia il modo di vedere le cose, e cambia anche la morale sulla quale si fonda la legge. (Colombo)
  • Il concetto di colpa e di innocenza che c'hanno loro, ormai è diverso dal nostro. Noi crediamo ancora nell'obbedienza, e loro credono nelle bombe. È certo che c'hanno torto, ma mica è detto che per questo c'avemo ragione noi. (Colombo)
  • Giovanotti, a Roma c'è la guerra, è inutile che se lo nasconnemo. E qui so' zompati per aria ventitré soldati di un esercito che, siccome è er nostro, ce po' pure dispiace', ma sapete chi è stato a falli zompa'? [...] soldati di un altro esercito che non è il nostro, un esercito in borghese. Ma stiamo attenti, eccellentissimi padri, che quando un esercito è in borghese, è un esercito di popolo, e cor popolo, ce se sbatte sempre er grugno. (Colombo)
  • Fratelli, semo vecchi... c'avemo l'ore contate. Volemo fa' 'na bona azione, prima de mori'? Una sola: mannamo er boja in pensione e chiudemo in bellezza. (Colombo)
  • Adesso, me spari o non me spari, nun me ne frega più niente, perché già m'hai sparato. (Colombo)
  • Se rivedemo a Roma. Ce pensi? Senza preti e senza Papa! (Teresa)
  • [ai gesuiti] Sempre più allegri voiartri, eh? (Colombo)
  • I ribelli morono sempre a vent'anni, pure quanno nun morono. (Colombo)
  • [rifiutando la comunione al generale dei gesuiti] No. A voi no. (Colombo)

DialoghiModifica

  • Don Marino: Sono tutti così [i giovani ribelli]. Di fuori sono angeli e di dentro sono demonî, eccellenza. Non sono come noi...
    Colombo: ...che semo demonî dentro e fori.
  • Colombo: Ma come po' esse tutta 'sta cattiveria che ve portate dentro e de fori non se vede? Ma che c'avete?
    Cesare: Ve posso risponde' co' 'na domanda? [...] Voi chi siete? [...] Voi, i preti, il Papa Re, che rappresentate?
    Colombo: Diciamo... il potere?
    Cesare: Sì, ma un potere che non esiste più. Voi farete pure questo processo per l'attentato alla caserma, ma in nome di quale legalità? In nome de che?
    Colombo: In nome del Papa Re.
    Cesare: Appunto. Perciò sapete che succederà in aula?
    Colombo: No, nun lo so, dimmelo te.
    Cesare: Che l'accusati diventeranno accusatori, e se rovesceranno le carte sur tavolino de la Storia.
    Colombo: Embè, interessante, però non hai carcolato una cosa: er mazzo 'o famo noi, c'avemo tutti l'assi e, quanno nun ce l'avemo, baramo pure.
  • Colombo: Lo sapete [...] dove vorrebbe anna' vostro figlio? Sur patibolo.
    Contessa Flaminia: Perché è pazzo!
    Colombo: E che vor di' "pazzo"? Nun dovete da' una risposta che nun significa gnente. Voi me dovete solo di' chi è uno che a vent'anni vo' mori' mentre noi, all'età nostra, semo ancora attaccati alla vita come ostriche. Anzi... come cozze.
  • Teresa: Ma voi 'n ve la dovete pija. Er fatto è che, la prima volta che me so' dovuta difende' da un prete, c'avevo diec'anni.
    Colombo: E io, l'ultima volta che me so' dovuto difende' da 'na donna, ce n'avevo cinquanta. A more', la vita è 'na lotta!
  • Colombo: Cesarino? Cesarino? [non risponde] Ce stai, fijo?
    Cesare: Nun me chiamate fijo, sinnò ve do 'n carcio in bocca!
    Colombo: Ce sta.
  • Colombo: Questo che è?
    Cesare: È abbacchio.
    Colombo: Sì ma, ne la fattispecie, che è?
    Cesare: Beh... è grazia di Dio.
    Colombo: Ecco. Tu ce stai in grazia de Dio? No! E allora me lo magno io!
  • Colombo: Io nun ci credo più.
    Giudice gesuita: Non credi più? Ma come? Hai perduto la fede?
    Colombo: Ma che fate er gesuita con me? Voi avete capito benissimo in che non credo più.

Altri progettiModifica