Apri il menu principale

Herbert McCabe

domenicano, teologo e filosofo irlandese di origini inglesi
Herbert McCabe

Herbert McCabe (1926 – 2001), domenicano, teologo e filosofo irlandese di origini inglesi.

Sacerdozio e rivoluzioneModifica

  • Essere un vescovo è essere in funzione non della chiesa ma della società, proprio come essere un idraulico è in funzione non della chiesa ma della società, con questa sola, sostanziale differenza, che il lavoro dell'idraulico è immanente nella società, fa parte della materia e dell'ordito della società, mentre il compito del vescovo nella società è essenzialmente un compito rivoluzionario o sovversivo. (L'uso che faccio qui del termine rivoluzionario equivale all'uso che in passato avrei fatto della parola "trascendente", dato che quest'ultimo termine ha smarrito il suo significato cristiano; di fatto esso ha perduto sia la sua natura paradossale che la sua natura storica.) (p. 103)
  • Il cristianesimo è un movimento di trasformazione del mondo, esso cerca di rinnovare i rapporti istituiti fra gli uomini allo scopo di meglio esprimere i rapporti che li costituiscono appunto come umani, esseri completamente umani; tale movimento il mondo lo deve odiare, la struttura di potere del mondo deve contrastarlo, ma col tempo "vincerà il mondo". È questa la vittoria che trionfa del mondo, "la nostra fede". Non sembra quindi irragionevole descrivere la chiesa come un movimento rivoluzionario nel mondo. La predicazione del Vangelo è un pericolo per i valori mondani, per le strutture economiche e politiche che incorporano quei valori. (p. 105)
  • [...] è legittimo affermare che il cristianesimo è marxismo portato di gran lunga più avanti. Sia il cristiano che il marxista riconoscono la necessità della lotta contro forze specificamente antiumane e ambedue vedono la storia umana come la storia di questa lotta. Ambedue ricercano la fine della società del predominio, e vedono tale avvento compiersi attraverso un movimento di redenzione che non ha la sua posta, il suo premio, nella società che combattono, perché il premio è la comunità redenta dei poveri. Ambedue, inoltre, in modi diversi, (da un canto predestinazione, dall'altro teoria materialistica della storia, o materialismo storico), affermano di non proporre soltanto un ideale, qualcosa che possiamo o no scegliere di attuare, ma di rivelare dati di fatto, un progetto su cui si fonda la storia umana, che ci piaccia o no. (p. 109)

BibliografiaModifica

  • Herbert McCabe, Sacerdozio e rivoluzione, in La religione oggi (The Religious Situation), a cura di Donald R. Cutler, traduzione di Elena Baffi, Marina Bianchi e Mario Spinella, Gli Oscar, Arnoldo Mondadori Editore, Milano, 1972.

Altri progettiModifica