Apri il menu principale

Giuseppe Marzari

attore teatrale, comico e umorista italiano

Giuseppe Marzari (1900 – 1974), attore teatrale, comico e umorista italiano.

Citazioni di Giuseppe MarzariModifica

  • A l'Acquasola vanno, | corrono che paiono carrette | delle calcagnate vi danno | e strappano le calze | sono come le boghe a sciami | fatte che paiono scalpelli | se andate a pescare con gli ami | vi portano via i galleggianti. (O tàngo de sèrve[1])
A l'Acasêua te vàn, | côran che pàn carétte | de carcagnæ ve dàn | e sgoâran e câsétte | én cóme-e bôghe a sciàmmi | fæte che pàn scöpélli | s'anæ a pescâ co-î làmmi | ve pòrtan vîa i natélli.
  • Evviva il pesto il condimento | che per i genovesi è un portento! | Nessuno credeva che con il mortaio | una cosa simile si potesse fare. (Evîva o pèsto[2])
Evîvò-u pésto o condiménto | che pe-i zenéixi o l'é 'n porténto! | Nisciùn credéiva che co-o mortâ | 'na cösa scìmile se poêse fâ.
  • Genova, come le grandi metropoli, è diventata una città cosmopolita. Ormai qui si sente parlare in tutti i modi meno che il genovese. Una volta, quando uno voleva sentire parlare il vero genovese, dove andava? A Prè, dalla Marina, dalla Maddalena... Andateci un po' adesso...?!
    Sì, dico "andateci un po' adesso" per dirvi che quei pochi genovesi che sono di casa in quelle zone si sono messi a parlare italiano anche loro, altrimenti non li capisce più nessuno!
Genova, come le grandi metropoli, è diventata una città cosmopòlita. Ormâi chí se sente parlâ á tutti i moddi fœa che zeneize. Una votta, quande un u vuéiva sentî parlâ u veru zeneize, duv'u l'anâva? Á Prê, daa Mænn-a, daa Madænn-a... Anæghe 'n pô òua...?!
Scí, diggu "anæghe 'n pô òua" pe dîve che quello pôchi Zeneixi che stan de câza inte quelle zône li se sun missi á parlâ italian anche lû, se nu nu l'acapisce ciu nisciun![3]
  • Laggiù sul Ponte Pila | Piazza Colombo e Ponticello | l'Antonia con la Camilla | sono lì che aspettano un nasello. | È vestito di nuovo | che bel vestito buono | con cinque gatti al seguito | lo ha comprato in Salita del Prione. (O tàngo de sèrve[1])
Lazù 'n sciô Pónte Pìlla | Ciàssa Colónb'e Pontexéllo | a Tögna co-â Camìlla | són li ch'aspêtan un nazéllo. | O l'é vestîo de nêuo | che bèllo vestî bón | con çìnque gàtti aprêuo | o l'à-acatòu ino Prión.
  • Lontano dagli occhi, lontano dal cuore | è una grossa bugia, | più si allontana la spiaggia e il molo | più cresce la nostalgia, | Genova sparisce dalla tua vista | la vedi solo con la mente. | Si bagnano gli occhi, ti viene il magone | e ti senti troppo solo. (Lontan da-i êuggi[4])
Lontan da-i euggi, lontan da-o chêu | a l'è 'na grossa böxia, | ciù s'allontann-a a spiagia e o mêu | ciù cresce a nostalgia, | Zena a sparisce da-a tò vixion | ti a veddi solo co-a mente. | Se bagna i euggi, vegne o magon | e troppo solo se sente.
  • Per una vecchia tradizione | quando arriva Sant'Agata | è tutto un baraccone | lungo la strada e sul piazzale. | Ricodate, cambiando casa, | quanta roba che avete gettato? | Ammucchiata ora intasa | tutti i banchi del mercato. (A fêa de Sànt'Agâ[5])
Pe 'na vêgia tradiçión | quànd'arîva Sànt'Agâ | o l'é tùtt'in baracón | lónga-a stràdda e 'n sciô ciasâ. | Ricordæ, cangiàndo cazâ, / quànte röba ch'éi caciòu? | Amugiâ ôa a l'intâza | tùtti-i bànchi do mercòu.
  • Quando ti devo lasciare | Genova bella | mi sento mancare le forze | mi sento male (Lontan da-i êuggi[4])
Quande te devo lasciâ | o Zena bella | me sento e forse mancâ, | me vegne mä
Se ti vœ 'na stradda bunn-a | spûza 'na pupunn-a | d'a Funtann-abunn-a.
  • Ve lo ripete il signor ratella,[7] qui finisce la favola più bella![8] (epitaffio)
Ve-o ripete o scio ratella, chi finisce a foa ciù bella!

Citazioni su Giuseppe MarzariModifica

  • Govi ha usato il dialetto per fare la propria fortuna, Marzari ha usato la propria bravura per fare la fortuna del dialetto. (Vito Elio Petrucci)

NoteModifica

  1. a b Da Te lo do io Marzari!, op. cit., p. 24
  2. Da Te lo do io Marzari!, op. cit., p. 29
  3. Da Io, Marzari ed i suoi amici, op. cit, p. 27
  4. a b Da Giuseppe Marzari. Un uomo in frac, op. cit., p. 78
  5. Da Te lo do io Marzari!, op. cit., p. 6
  6. Da Io, Marzari ed i suoi amici, op. cit, pp. 33-34
  7. In genovese "lite"
  8. Da Io, Marzari ed i suoi amici, op. cit, p. 44

BibliografiaModifica

  • Franco Bambi, Te lo do io Marzari!, De Ferrari Editore, Genova, 2014
  • Gian Domenico Solari, Io, Marzari ed i suoi amici, Edicolors, Genova, 2005. ISBN 88-88929-18-5
  • Cesare Viazzi, Giuseppe Marzari. Un uomo in frac, De Ferrari, Genova, 2010

Altri progettiModifica