Giulio Genoino (poeta)

poeta e librettista italiano

Giulio Genoino (1771 – 1856), poeta e librettista napoletano.

Citazioni di Giulio GenoinoModifica

  • [A Natale] Tè! che ffolla ccà mmiezzo è scapolata![1] | Non m'allicordo ancora comm' 'a st'anno | tanta ggente a rrevuoto per la strada. | Chiazze e ppoteche sbommecate stanno | de tanta sciorte de provvisiune | che ll'uocchie strevellà te fanno.[2][3]

Citazioni su Giulio GenoinoModifica

  • Giulio fu prete e non salì l'altare, | compose versi e gli mancò la vena, | scrisse commedie, e gli fallì la scena, | fu dilettante senza dilettare. | Ed è, per colmo di sua sorte cieca, | bibbliotecario senza bibblioteca. (Raffaele Petra)

NoteModifica

  1. (scapolare: scalappiare, liberarsi.)
  2. To'! che folla qui in mezzo sfrenata! Non ricordo ancora come quest'anno tanta gente in agitazione per strada. Piazze e botteghe traboccano di tante specie di provviste da farti sgranare gli occhi.
  3. Citato in Antonio Ghirelli, Storia di Napoli, Einaudi, Torino, 1992, p. 185. ISBN 88-06-12974-0

Altri progettiModifica