Apri il menu principale

Giggi Zanazzo

poeta, commediografo e antropologo italiano
Giggi Zanazzo

Giggi Zanazzo, all'anagrafe Luigi Antonio Gioacchino Zanazzo (1860 – 1911), poeta romano.

  • So' bborghiciano, so': nun ero nato | che bbazzicavo ggià ddrento Palazzo:[1] | mi' padre me ce messe da regazzo | e, ggrazziaddio, ciò ssempre lavorato. (da Borghiciano, in Li quattro mejo fichi der bigonzo)

Incipit di Usi, costumi e pregiudizi del popolo di RomaModifica

Quanno ve se fanno nere l'ógna de le mano, e cciavete[2] l'occhi sbattuti e accallamarati, e la lingua spòrca, allora è ssegno che nun ve sentite troppo pe' la quale[3].
Presempio, a le donne, quanno nu' stanno bbene, la féde[4] jé s'appanna; e, ne lo spostalla un tantinèllo dar déto, ce se troveno sótto un cerchietto nero. Allora, a cchi pprème la salute, la prima cosa che ddeve fa', appéna nun se sènte sicónno er sòlito suo, è dde pijasse un bon purgante.
De tutte le purghe, la ppiù mmèjo perché llava lo stommico, sbòtta, e pporta via 'gni cosa come la lescìa, è ll'ojo de rìggine.
Quanno, sorèlla, una quarsìasi ammalatia che tte vó vvienì', trova pulito lo stòmmico, nun te pô ffa' ttanto danno nun solo, ma tte se leva d'intorno ppiù ppresto.

NoteModifica

  1. Al Vaticano
  2. Ad evitare continue ripetizioni: ciavete, cianno, ciò, ciai, cià, equivalgono a: ci avete, ci hanno, ci ho, ci hai, ci ha, ci avemo, ci abbiamo, ecc.
  3. Di questo pronome relativo usiamo generalmente il solo femminile singolare la quale o per la quale. Qui nun sentisse troppo pe' la quale vale: non troppo bene in salute.
  4. L'anello nuziale

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica