Gian Domenico Romagnosi

giurista, filosofo e fisico italiano

Gian Domenico Romagnosi (1761 – 1835), giurista, filosofo e fisico italiano.

Gian Domenico Romagnosi

Disputa sull'idea di commercioModifica

  • Il commercio inchiuderà eternamente come prima idea sua essenziale che uno dia liberamente una cosa e l'altro liberamente la ricambi.
  • Sorgono due maniere di commercio. La prima dir si può civile ed immediata; e l'altra mercantile e mediata. La prima riceve il nome generico di contrattazione, senza che ivi si ponga mente per qual modo il possessore abbia acquistato la cosa da lui venduta. La seconda riceve il nome di mercatura nella quale il commercio vien fatto mediante compra colla destinazione e col fatto della rivendita.

Citazioni su Gian Domenico RomagnosiModifica

  • La sapienza di Giandomenico Romagnosi, le lezioni ch'egli dettò ed i discepoli che ne continuarono il programma dànno a noialtri italiani il diritto di essere stimati, nella prima metà del secolo XIX, non inferiori agli altri popoli d'Europa nel genio positivo giuridico, morale, filologico, artistico, psicologico e sociale. (Paolo Orano)

BibliografiaModifica

  • Gian Domenico Romagnosi, Disputa sull'idea del commercio, in Annali universali di statistica economia pubblica, storia, viaggi e commercio, (1827 ago, Serie 1, Volume 13, Fascicolo 38), Milano 1827.

Altri progettiModifica