Freidank

poeta vagante in medio alto tedesco del XIII secolo, originario della Germania meridionale, di probabile origine sveva, amico e ammiratore dell'imperatore Federico II

Freidank (... – 1233?), poeta tedesco.

Immagine simbolo della sesta crociata: l'incontro pacifico tra Federico II e l'ayyubide al-Malik al-Kāmil.

Citazioni di FreidankModifica

  • Davanti a Dio la scomunica non va oltre la colpa degli uomini.[1]
  • Dio e l'imperatore hanno liberato un Sepolcro che dà speranza a tutti i cristiani. Avendo egli dato il suo meglio, dovrebbe essere sciolto dalla scomunica.[2]
  • Giusta è l'obbedienza sino a quando il maestro fa il bene, ma quando vuol costringere Dio all'ingiustizia, allora dobbiamo abbandonarlo e metterci al fianco di chi è nel giusto.[1]

NoteModifica

  1. a b Citato in Giosuè Musca, Crociata, Enciclopedia Federiciana, Istituto dell'Enciclopedia Italiana Treccani, 2005.
  2. Citato in Hubert Houben, Federico II. Imperatore, uomo, mito, il Mulino, 2009. ISBN 8815133380

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica