Apri il menu principale
Autoritratto (Francisco Goya, 1795)

Francisco José De Goya y Lucientes (1746 – 1828), pittore e incisore spagnolo.

Citazioni di Francisco GoyaModifica

  • Il sonno della ragione genera mostri.[1]
  • L'atto della pittura riguarda un cuore che racconta a un altro cuore dove ha trovato salvezza.[2]
  • L'obiettivo della mia opera è quello di riportare la realtà degli eventi.[3]
  • La mia opera è molto semplice. La mia arte rivela idealismo e verità.[3]

AttribuiteModifica

  • La fantasia abbandonata dalla ragione genera mostri impossibili; unita ad essa è madre delle arti e origine delle sue meraviglie.
Dal cosiddetto "Commento di Ayala", uno dei tre commenti a Il sonno della ragione genera mostri, tradizionalmente attribuiti a Goya.[4]

Citazioni su Francisco GoyaModifica

  • E così continua il resoconto, orrore dopo orrore. (Aldous Huxley)
  • È stato il codardo più coraggioso di sempre. Politicamente non si è mai schierato, non ha mai provocato né irritato nessuno, ha sempre accontentato tutti, ritratto reali, napoleonici, inquisitori. Ma, nella sua "pittura nera" si è, invece, dedicato agli umili, agli oppressi, ai disperati. Era straordinariamente coraggioso quando si trattava di dipingere. (Miloš Forman)

NoteModifica

  1. Frase che compare in un'acquaforte della serie Los caprichos; citato in Maurizia Tazartes, Goya, Giunti, p. 32. ISBN 8809798104
  2. Citato in AA.VV., Il libro dell'arte, traduzione di Martina Dominici, Gribaudo, 2018, p. 232. ISBN 9788858018330
  3. a b Citato in AA.VV., Il libro dell'arte, traduzione di Martina Dominici, Gribaudo, 2018, p. 235. ISBN 9788858018330
  4. Citato in Reinhard Brandt, Filosofia nella pittura: da Giorgione a Magritte, traduzione di Maria Giovanna Franch e Donatella Gorreta, Pearson Italia S.p.a., 2003, p. 350. ISBN 8842495603

Altri progettiModifica

OpereModifica