Apri il menu principale

Francesco Beccuti detto il Coppetta (1509 – 1553), poeta italiano.

RimeModifica

  • Più che di lunghe e bionde chiome e crespe, | d'un breve e molle e negro crin m'appago. | Mi punge 'l cor un'amorosa vespe, | e son ognor più d'attuzzarla vago. (vv. 1-4)
  • Semplice e nuda ed ali ebbe a le piante | Pito quel dì che i vostri passi scorse | e le cortesi parolette e sante | che in sì dolci maniere al cor mi porse. (vv. 1-4)
  • Guardando Giove dal balcon celeste | la spaziosa terra e 'l mar profondo, | fermò in Alessi gli occhi e disse: – Al mondo | sì bella è dunque una terrena veste? | Vaghezze in ciel non son simili a queste; | Ganimede a costui bene è secondo: | siate, a portarmi al bel viso giocondo, | piume, via più che l'altra volta preste. – (vv. 1-8)
  • Così dirmi beato anch'io potrei, | se voi non foste al pregar mio rubello: | io men non v'amo, e sete agli occhi miei | non men gentil di Ganimede e bello: | ma, s'io non ho possanza qual gli dèi | e non posso rapirvi e farmi augello, | non gravi voi, se d'abbracciarvi ingordo, | de la modestia mia talor mi scordo. (vv. 9-16)
  • Aspre montagne e cave intorno intorno | al doppio carcer mio fan doppio muro, | e 'l fianco appoggio al nudo sasso e duro | de la stanchezza mia letto e soggiorno. | Quel sol ch'agli occhi miei solea far giorno, | già per me veggio inecclissato e scuro, | né da la bianca man son più sicuro | d'un breve foglio di sue note adorno: | lasso! m'è tolto 'l bel crin d'oro e 'l lume | de' due zaffiri assai più che 'l ciel chiari, (vv. 1-10)
  • Su la riva del fiume in quel punto era | gentil garzone di bellezze conte, | che si sedea su l'erba in vista altiera: | le costui dolci parolette pronte | fur le mie reti e le maniere accorte | che con voi tenne nel varcar del ponte. (vv. 40-45)
  • Un ch'era dentro corvo e di fuor cigno | ed al suo nome avea contrari effetti | e ne la lingua il tosco e 'n bocca 'l ghigno, | semina in quel cor puro odi e sospetti, | e mi son in un'ora, oimé!, ritolti | tutti gli onesti miei dolci diletti. (vv. 178-183)
  • Sento squarciar del vecchio tempio il velo | e 'l mio si sta dinanzi agli occhi avvolto: | trema la terra e fassi oscuro il cielo; | io non muto 'l pensier né cangio il volto; | spezzansi i sassi, ed io non rompo il gelo; | sorgono i morti, io giaccio ancor sepolto: | ma tu, cagion di sì gran cose, dammi | ch'io risorga, apra gli occhi e 'l cuore infiammi. (vv. 1-8)
  • Può far il mondo ladro, messer Bino, | che abbiate perso il gusto e l'intelletto | di quel ch'importa più che 'l pane e 'l vino? | So pur ch'avete il giudizio perfetto | e che più vi diletta di mangiare | dei beccafichi la schiena che 'l petto. (In lode della pederastia, vv. 1-7)
  • Io vorrei prima menarmelo a mano | più tosto farlo ai guatter di cucina, | ch'esser di dame un polimante vano. (In lode della pederastia, vv. 19-21)
  • Io, se in tutto e per tutto non la sforgio, | faccio pur non di men qualche cosetta, | quando a caval, quando con mastro Giorgio: | ma voi, che sete patrone a bacchetta, | con le vostre maniere graziose | che fa il dito che corre a la brachetta, | dovresti far cose miracolose, | levandovi del capo 'l far l'amore | con le donne superbe e dispettose; (In lode della pederastia, vv. 76-85)
  • Non cerchiam più se Ligurino è sordo | ai conforti di Flacco o di Platone | o se 'l tempo usa poca discrezione | a coprirlo di piume come un tordo; | ma seguiam de le torte 'l mio ricordo, | le qual son sempre belle e sempre bone, | benché sian vecchie, secondo che pone | Giovan Tortellio, che ne fu sì ingordo. (Sulle torte, vv. 1-8)

BibliografiaModifica

  • Lirici del Cinquecento, a cura di Luigi Baldacci, Longanesi 1975

Altri progettiModifica