Ferrante Aporti

presbitero, pedagogista e politico italiano
Ferrante Aporti

Ferrante Aporti (1791 – 1858), presbitero, pedagogista e politico italiano.

Elementi di pedagogiaModifica

  • Le sostanze animali esercitano sullo stomaco un'azione assai più stimolante che le vegetabili, esse riparano più completamente e sostengono più fermamente le forze. Gli uomini che mangiano carne sono senza confronto più forti e più attivi di quelli che non ne fanno uso. (Introduzione, p. 26)
  • [...] il sovrano è il padre supremo de' suoi sudditi, e deve quindi tutelare il comun bene e la comune prosperità morale dipendente dalla buona educazione e istruzione; [...]. Disciplinata l'educazione e l'istruzione pubblica, tutte le classi, tutti gli ordini della società vi troveranno quel grado di ammaestramento conveniente alla loro condizione, che vada in pieno accordo ai doveri incumbenti a ciascuno, cogli uffizi, colle industrie, cui sono chiamati ad esercitare. Potrebbe quindi un governo abbandonare al caso, al capriccio de' privati, un interesse di sì grave e fondamentale importanza per l'edificazione de' pubblici costumi che preparano forza ed obbedienza alle leggi? (Introduzione, p. 47)
  • Suolsi tenere la testa dei fanciulli sempre coperta; e ciò, fuor del caso dell'essere esposti ad un gran sole o alla pioggia, è male. Gl'indumenti alla testa la riscaldano, e quindi ne derivano i dolori di capo, gl'infreddamenti, i catarri, le tossi ed altrettali incomodità. I popoli che si coprono poco o nulla alla testa hanno il cranio più duro, e il cervello meglio difeso non solamente contra le ferite, ma ancora contra gl'infreddamenti, le flussioni e le impressioni dell'aria. (Parte prima, Dell'educazione fisica, p. 54)
  • Conviene eccitare i fanciulli a recarsi al cesso, poiché essi quando giuocano, tutti assorti nel divertimento, lo trascurano. In ogni età, ma principalmente nell'infanzia, è nocevole il resistere a questo bisogno; imperocché gli escrementi ammassati comprimendo col loro volume (così il Tissot) le parti vicine, irritano gl'intestini colla loro acrimonia, e le loro parti putride infettano tutta la massa degli umori, donde derivano assai malattie. (Parte prima, Dell'educazione fisica, p. 58)
  • [...] a conservazione dell'udito si ripuliranno ai fanciulli di tratto in tratto le orecchie, ma cautamente e con un istrumento ottuso d'oro, d'argento o d'avorio, non mai di ferro o d'ottone. (Parte prima, Dell'educazione fisica, pp. 60-61)

Citazioni su Ferrante AportiModifica

  • L'Aporti fu la coscienza più alta e comprensiva dell'istruzione popolare come bisogno della nazione a' suoi tempi. In fondo codesto prete riverberò l'anima di Mazzini e di Garibaldi: quegli fu il genio dell'italianità; questi l'eroe: l'Aporti ne fu il pedagogista. Un prepotente passionato amore del popolo illuminava e trascinava il suo spirito. (Saverio Fausto De Dominicis)
  • Mentre all'Aporti l'impulso e l'ispirazione venivano dal fondo dell'animo e dalla personalità morale, Federico Fröbel era tutto nel pensiero, nello studio lungo, nelle discussioni varie e complesse. (Saverio Fausto De Dominicis)

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica