Febris

Dea della febbre nella mitologia romana

Febris (Febbre), divinità della mitologia romana.

Citazioni su FebrisModifica

  • Pochi tra i tanti Dei Minori, e in specie tra quei conosciuti più particolarmente sotto nome di Averrunci, ebbero presso i Romani maggior venerazione della Febbre. I titoli, che a lei si davano eran quali si convenivano a tanta Divinità, quelli cioè di Magna, di Santa, e di Diva. (Giuseppe De Matthaeis)
  • Roma che altrettanto umile co' Dei quanto superba cogli uomini vincendo, e soggiogando le diverse nazioni del mondo, sottopose se stessa alle tante e così varie loro divinità, non ebbe esempio da altri nel suo culto verso la Febbre. Ella che apprese a conoscere dagli stranieri, e dai vinti quasi tutti i numi che adorò, non ebbe comune con alcun'altra gente questa sua propria divinità: ella sola seppe divinizzare un tal morbo, ed onorarlo di sagrificj, e di tempj. (Giuseppe De Matthaeis)

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica