Domenico di Bartolo

pittore italiano

Domenico di Bartolo (1400/1404 – 1444/1447), pittore italiano della scuola senese.

Domenico di Bartolo, Polittico di Perugia, 1438.

Citazioni su Domenico di BartoloModifica

  • Con la morte dei Lorenzetti, la scuola senese entrò in una decadenza da cui non riuscì più a sollevarsi. Ebbe ancora momenti che lasciavano sperare, ore di consunta bellezza, ma non più quel rifluire d'energie senza di che l'arte è condannata all'esaurimento. Il Barna, Bartolo di Fredi, Taddeo di Bartolo a volte rintracciano un raggio dello splendore martiniano o lorenzettiano. E Domenico di Bartolo tenta alla bell'e meglio di suscitare nuova vita, introducendo forme ed atteggiamenti che i grandi fiorentini avevano allora salvati dal caos e definitivamente fissati. Ma egli non sentiva il vero significato di coteste forme ed atteggiamenti, connessi ai valori tattili e di movimento; e i colleghi e concittadini ebbero buon gusto a preferire, alla sua rettorica eroica e al falso naturalismo, i modi irreali ma amabili d'una tradizione antica e venerata. (Bernard Berenson)

Altri progettiModifica