David Landes

scrittore statunitense

David S. Landes (1924 – 2013), storico statunitense.

  • Tuttavia la modestia, se giova all'anima, non sempre è giustificata. Fra la scienza e la magia intercorre la stessa differenza che passa fra il razionale e l'irrazionale: la prima consente un'azione efficace e la seconda no, tranne che per puro caso. (da Prometeo liberato, p. 36)
  • Nella storia, se non nella teoria, il lungo periodo spesso non è che il breve periodo codificato e consacrato come prassi, tradizione o interesse costituito. (da Prometeo liberato, p. 420)
  • [Fu l'orologio a rendere] possibile la vita cittadina come la conosciamo, a promuovere nuove forme di organizzazione industriale, a consentire agli individui di organizzare la loro vita secondo moduli razionali, più produttivi. La fabbricazione degli orologi fu, inoltre, all'avanguardia nello sviluppo della tecnologia meccanica: chi era in grado di costruire i grandi orologi meccanici, e in seguito i piccoli orologi portatili, sarebbe riuscito a costruire ogni altra cosa.
  • [Sull'invenzione della lampadina] Per la prima volta l'elettricità forniva qualcosa di utile non solo all'industria o al commercio o al palcoscenico, ma ad ogni famiglia [...]. Adesso esisteva una domanda di dimensioni globali incalcolabili, e tuttavia atomizzata in una moltitudine di bisogni individuali, che poteva essere soddisfatta soltanto da un sistema centralizzato di generazione e distribuzione dell'energia.[1]

BibliografiaModifica

  • David S. Landes, Prometeo liberato: trasformazioni tecnologiche e sviluppo industriale nell'Europa occidentale dal 1750 ai giorni nostri, Einaudi Paperbacks, 1978, traduzione di Valerio Grisoli e Franco Salvatorelli.

Altri progettiModifica

  1. Citato in Giovanni Sabbatucci e Vittorio Vidotto, Il mondo contemporaneo. Dal 1848 a oggi, Editori Laterza, Roma, 2008, ISBN 978-88-420-8741-0, pag. 116