Cino da Pistoia

poeta e giurista italiano

Cino da Pistoia (1270 – 1336), poeta e giurista italiano.

  • Tutto ciò ch'altrui agrada a me disgrada, | ed èmmi a noia e spiace tutto 'l mondo. (da Tutto ciò ch'altrui agrada)
  • [agli abitanti di Napoli] O gente senza alcuna cortesia, | la cu' 'nvidia punge | l'altrui valor, ed ogni ben s'oblia; | o vil malizia, a te, perché t'allunge | di bella leggiadria, | la penna e l'orinal teco s'aggiunge. (da Deh, quando rivedrò 'l dolce paese)[1]
Cino da Pistoia

NoteModifica

  1. Citato in Cino da Pistoia, italica.rai.it.

Altri progettiModifica