Chrétien de Troyes

scrittore francese del XII secolo. famoso per i suoi romanzi Arturiani

Chrétien de Troyes (1135 – 1190), scrittore francese.

Chrétien de Troyes

Incipit di Perceval il Gallese o il racconto del GraalModifica

Era la stagione in cui gli alberi fioriscono, le siepi si ricoprono di foglie e i prati di erba verde, quando sin dall'alba gli uccelli cantano dolcemente nella loro lingua e ogni creatura s'infiamma di gioia.[1]

Citazioni su Chrétien de TroyesModifica

  • Alla base dei romanzi arturiani di Chrétien stanno l'amore e l'avventura: i due elementi principali rispettivamente della lirica trobadorica e dei romanzi cavallereschi. (Corrado Di Pietro)
  • C'è una mistica religiosa in Chrétien che orienta le scelte e le prove a cui egli sottopone le sue creature: è la mistica cristiana in cui l'avventura acquista una connotazione quasi ascetica, in'inchiesta di sempre più ardue prove fino al raggiungimento della perfezione spirituale e umana. (Corrado Di Pietro)
  • Questa è la filosofia dei romanzi di Chrétien: Erec et Enide, Cligés, Lancillotto, Ivano e Perceval. E molte delle avventure raccontate nell'Opera dei Pupi sono proprio quelle dei Cavalieri della Tavola Rotonda oppure sono quelle cavalleresche del ciclo carolingio che si rifanno a modelli di eroismo e di cortesia dei romanzi bretoni. (Corrado Di Pietro)

NoteModifica

  1. Citato in Giacomo Papi, Federica Presutto, Riccardo Renzi, Antonio Stella, Incipit, Skira, 2018. ISBN 9788857238937

Altri progettiModifica