Castel Goffredo

comune italiano

Citazioni su Castel Goffredo.

  • [...] Castellum Vifredi [...][1][2][3][4] [da un documento[5] datato 8 luglio 1107 in cui si cita per la prima volta il nome di Castel Goffredo]
  • «… giunsi al castel c'ha di Gioffredo il nome.» (Matteo Bandello)[6][7]
Castel Goffredo

NoteModifica

  1. Citato in Francesco Bonfiglio, Notizie storiche di Castelgoffredo, Brescia, 1922.
  2. Citato in Pierino Pelati, Acque, terre e borghi del territorio mantovano. Saggio di toponomastica, Asola, 1996.
  3. Citato in Casaloldo e la battaglia del 10 maggio 1509, a cura di Mariano Vignoli, Convegno di studi Casaloldo 9 maggio 2009, Mantova, 2009.
  4. Citato in Piero Gualtierotti, Castel Goffredo dalle origini ai Gonzaga, Mantova, 2008.
  5. Con questo documento, datato Desenzano del Garda, 1107 luglio 8, Matilda Comitissa (Matilde di Desenzano, moglie di Ugo di Sabbioneta) «uxor q.m Ugonis Comitis de Disenzano dona beni in: Marcaregiam, Mosum et Asolam cum ominibus rebus sibi pertinentibus, ut supralegitur in integrum, et omnes res sibi pertinentes in territorio Curtis et Castris Redolisco, et in Gausegnano, et in Casale alto, et in Satalino, et in Castello novo, et Buzolano, et in Ramedello de supra, et in Castello Vifredi, ed in Casale majori, et in Ravaria, et in Mazzano, et Carpenetulo, et in Casale Pauli, et in territorio Curtis et Castri Monteclaro, et in Calcinato, et in Lonato, et in Predizzo, et in Discenzano, tam infra ipsum Castrum, quantum et foris. Post eiusdem Metilde decessum habeat idem Monasterium totas iam dictas res iure proprietario, et quidquid inventum fuerit in sua portione ubique ex hac parte Olei omnia in integrum pro anime sue mercede, et Ugonis viri sui, et filiorum, filiarumque suarum».
  6. Per la prima volta il nome del borgo veniva citato in un'opera letteraria: Matteo Bandello, Canti XI de le lodi de la signora Lucretia Gonzaga de Gazuolo, e del vero amore, col tempio di pudicizia, e con altre cose per dentro poeticamente descritte - Le III parche, canto V (1554 circa)[1].
  7. Citato in Piero Gualtierotti, Matteo Bandello alla corte di Luigi Gonzaga, 1978, Mantova.

Altri progettiModifica