Camillo Ugoni

patriota e letterato italiano

Camillo Ugoni (1784 – 1855), letterato e patriota italiano.

Camillo Ugoni in un ritratto di Giovanni Moriggia

Citazioni su Camillo UgoniModifica

  • In quella occasione [ad un ballo in casa del marchese Tullio Guerrieri, nell'estate del 1812] per la prima volta vidi Camillo Ugoni, e legai amicizia con lui; amicizia la quale durò fino ch'egli visse. Era letterato di non comune ingegno e lavoratore indefesso; allora nel fiore degli anni, alto della persona, folta la nera capigliatura, una testa quale si vede sui busti di Imperatori romani. (Giovanni Arrivabene)
  • Passavo le intiere serate con Camillo Ugoni e con Scalvini, che conobbi allora. Si leggevano libri seri, si discutevano interessanti quistioni. Ugoni era un letterato della vecchia stampa e si occupava, allora intorno alla traduzione dei Commentari di Giulio Cesare. Aveva pubblicati tre volumi delle vite di letterati illustri italiani in continuazione all' opera del Corniani.
    Lo Scalvini debole di corpo, era altrettanto forte di mente; di delicato e fine gusto e giudice competentissimo in fatto di lettere e di belle arti. Una volta egli criticò l'opera di Ugoni, e questi gli rispose: Tu l'avresti fatta meglio, ma io l'ho fatta. (Giovanni Arrivabene)

Altri progettiModifica