Arnold Bennett

scrittore inglese

Enoch Arnold Bennett (1867 – 1931), scrittore britannico.

  • Essere un marito è un lavoro a tempo pieno. Ecco perché molti mariti sbagliano. Non possono prestarvi completa attenzione.[1]
  • I giornalisti asseriscono cose che sanno che non sono vere, nella speranza che se le ripetono a lungo diventino vere.
Arnold Bennett
Journalists say a thing that they know isn't true, in the hope that if they keep on saying it long enough it will be true.[2]
  • Il pessimismo, quando uno ci si abitua, è tanto gradevole quanto l'ottimismo.
Pessimism, when you get used to it, is just as agreeable as optimism.[3]
  • Il prezzo della giustizia è una pubblicità eterna.[4]
  • Sono stufo di sentir parlare delle eterne verità: amore, fratellanza, bontà. Sono come i grossi biglietti di banca di colui che è tanto fortunato d'averli in tasca. Ma se ci fosse un compito normale e ben definito da assolvere, e non aveste con voi nulla di più piccolo di un'eterna verità, che cosa fareste?[5]

NoteModifica

  1. Da The Title, I.
  2. Da The Title, II.
  3. Da Things that Have Interested Me, "The Slump of Pessimism".
  4. Da Things That Have Interested Me, II serie, 1923.
  5. Da Notes, Quoted & Anectodes, Canada; citato in Selezione dal Reader's Digest, novembre 1962.

Altri progettiModifica