Anna Valle

attrice ed ex modella italiana (1975-)

Anna Valle (1975 – vivente), attrice ed ex modella italiana.

Citzioni di Anna Valle modifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Lentini è un paese fatto di botteghe, piccoli negozi storici, pasticcerie dove ci si confonde, tanta è la scelta e la varietà. Mi vengono in mente le lunghe passeggiate alla Villa, dove i ragazzi si incontravano il sabato per decidere la serata, che poi spesso finiva per concludersi lì, come succede quando si sta bene. La stagione che preferisco è la primavera: non è troppo afoso ed è tutto fiorito.[1]
  • Sono fiera di essere siciliana. Di questa terra ci sono molte cose che mi corrispondono, una tra tutte, un proverbio: "Chi nasce tondo non può morire quadrato". Se penso a Lentini, ripercorro la mia infanzia in campagna, tra il profumo di zagara e le mandorle che con i miei fratelli e i cugini sgusciavamo con un sasso. Da ragazzi facevamo escursioni interminabili per scoprire tesori nascosti nelle case disabitate, accanto a quella dei miei nonni.[1]
  • La tendenza [nella fiction], ormai da qualche anno, è quella di restituire tridimensionalità ai personaggi femminili. Ma la novità [...] è che si è alzata la media dell'età. Finalmente il pubblico può immedesimarsi in donne di quaranta e cinquant'anni. Sembra poco, ma è una piccola rivoluzione.[2]

"Sono molto più rock di quello che si pensa"

Intervista di Francesco Canino, ilfattoquotidiano.it, 20 ottobre 2021.

  • Da piccola volevo fare l'astronauta, perché mi piaceva l'idea di stare con la testa tra la luna e le stelle, subivo il fascino del cosmo. Poi è esplosa la voglia di viaggiare: non avevo le idee chiare ma mi piaceva l'idea di trasformare quella passione in lavoro. In parte ci sono riuscita.
  • La famiglia è stabilità. Sia quella di origine che quella che ci costruiamo. La stabilità per me non è stare fermi sempre nello stesso posto, vivere e lavorare tutta la vita nella stessa città. Quell'idea di stabilità non mi è mai appartenuta.
  • Quando scoprono che vivo in una cittadina di provincia mi dicono: "Ma come fai?". Io non lo trovo affatto limitante. Vicenza è molto civile, per me è perfetta: ci si muove in maniera leggera, ci si sente più protetti che in una metropoli.
  • [«Ci vuole più fortuna o dedizione per avere una carriera lineare come la sua?»] Entrambe ma non solo. Conosco decine di attori bravissimi che hanno carriere discontinue o alti e bassi inspiegabili. La determinazione, la volontà, il sacrificio sono indispensabili. Bisogna sapere gestire la propria vita privata, e non sempre è semplice, e sperare che scatti il feeling con il pubblico. Quella è un'alchimia inspiegabile.
  • [«Nel suo sguardo c'è spesso della malinconia»] Gli occhi non li possiamo controllare e raccontano involontariamente qualcosa di noi. La malinconia la coltivo, quando serve. Ma sono molto più solare di quanto il pubblico pensi: sul set sono quella da musica a palla al trucco, quella che incita gli altri a ballare per iniziare bene la giornata o che porta tutti a bere fino alle due del mattino.

Una vita lontana dai social

Intervista di Elisa Venco, donnamoderna.com, 22 dicembre 2021.

  • [«Ti piace ballare?»] Eccome. Solo che non vado più nei locali da quando ci sono i telefonini. Non mi va di trovare mie foto online il giorno dopo. E allora mi scateno nelle serate a casa di amici.
  • Mi comporto sempre in maniera educata e rispettosa. Divento aggressiva solo se non vedo lo stesso rispetto verso di me. Una volta ho rimproverato duramente un collega che se la prendeva con il nostro autista che guidava piano perché pioveva. Non ero d’accordo con i modi del collega. E in più l’autista ci stava tutelando, ma non poteva ribattere. No, non riesco proprio a stare zitta di fronte ai soprusi.
  • [«[...] come giudichi la fiction italiana con le sue storie buoniste?»] Premesso che quello che passa in Rai deve tenere conto del ruolo istituzionale delle Rete, un po' è vero: credo che la fiction dovrebbe uscire dai limiti del politicamente corretto. Il che non vuol dire insegnare cose sbagliate, ma mostrare anche personaggi più complessi, contraddittori, con lati oscuri, pur senza esaltarne gli atteggiamenti. Con alcuni colleghi attori e sceneggiatori abbiamo provato a scardinare gli stereotipi. [...] noi ci proviamo ogni volta, ma poi la Rai deve dare la sua approvazione.
  • [...] provo un'invidia bonaria verso le altre mamme che vedo la mattina davanti a scuola vestite e pettinate in modo impeccabile. Io arrivo in bici con il cappello, la giacca a vento, una felpa da casa e mi chiedo: "ma a che ora si è svegliata quella?" Io mi "ricompongo" solo dopo il ritorno dalla scuola e la colazione.

Note modifica

  1. a b Citato in Pizzi e Mandorle, style.cnlive.it, 21 giugno 2011. [collegamento interrotto]
  2. Dall'intervista di Ilaria Ravarino, Anna Valle è Lea: «La rivoluzione in tv sono le 50enni», ilmessaggero.it, 8 febbraio 2022.

Filmografia modifica

Altri progetti modifica