Andrew Marvell

poeta e politico inglese

Andrew Marvell (1621 – 1678), poeta e polemista britannico.

  • Inciampando sui meloni, allorché procedo, intrappolato nei fiori, cado sull'erba.[1]
Andrew Marvell
Stumbling on melons, as I pass, | Ensnared with flowers, I fall on grass.
  • Perciò noi, ora, finché giovinezza | Colora di rugiada la tua pelle, | Finché a ogni poro l'anima sospira | D'improvvise vampate le sue voglie, | Ora, finché possiamo, divertiamoci.[2]
Now therefore, while the youthful hue | Sits' on thy skin like morning dew, | And while thy willing soul transpires | At every pore with instant fires, | Now let us sport us while we may.

NoteModifica

  1. Da Il giardino. Citato in AA.VV., Il libro della letteratura, traduzione di Daniele Ballarini, Gribaudo, 2019, p. 91. ISBN 9788858024416
  2. Da Alla sua timida amante.

BibliografiaModifica

  • Andrew Marvell, Alla sua timida amante (To His Coy Mistress), traduzione di Fiornando Gabbrielli.

Altri progettiModifica