Apri il menu principale

Andrea Carandini

archeologo e docente universitario italiano
Andrea Carandini e Giorgio Napolitano

Andrea Carandini (1937 – vivente), archeologo italiano.

Indice

Citazioni di Andrea CarandiniModifica

  • Il patrimonio culturale non è fatto di aurei lingotti, che pongono un problema di sicurezza riguardo a proprietà e trasmissione ereditaria. Il patrimonio paesaggistico, storico e artistico non diminuisce fruendone, anzi aumenta il suo valore, perché le cose riconosciute e amate si sviluppano nei commenti generati dalla loro fortuna.[1]
  • Pompei è e rimarrà mal conosciuta.[1]

Carandini: "L'archeologo è come Freud, sono trent'anni che scavo dentro"

Intervista di Antonio Gnoli, Repubblica.it, 23 marzo 2015.

  • [Parlando di Ranuccio Bianchi Bandinelli] Conosceva perfettamente il tedesco. Gli fu imposto di fare da guida al Führer. Ne ha sofferto. Non se lo è mai perdonato. Alla fine si iscrisse al partito comunista. Secondo me lo fece per punirsi delle sue origini aristocratiche. È stato un uomo diviso. C'è una lettera di Thomas Mann che parla di lui, della sua anima lacerata: il comunista e il borghese.
  • Non ho mai pensato, diversamente dal mio maestro [Bianchi Bandinelli], che il comunismo fosse un nuovo cristianesimo.
  • Si cerca il limite oltre il quale non c'è più nulla. Si va indietro, indietro, indietro. Perché? Chi ce lo fa fare? Semplice: ogni uomo non può fare a meno della sua origine. E lo stesso dicasi per la città.
  • La leggenda è il rumore che sta sotto alla storia. A volte è un canto. A volte un grido. A volte un suono stridente.
  • [Parlando della vecchiaia] È un senso di cambiamento, a volte di rottura, scendere i gradini di una prigione dove nessuno ti spinge, ma nella quale inesorabilmente finisci.
  • Mi pare di essere nella quinta di un teatro abbandonato dove non si può più recitare. Perché quello che c'è stato non c'è più. Perché la mia classe è morta. Mi sento un sopravvissuto, un reperto archeologico. Sono stato creato per un mondo che non c'è più.
  • Penso che nella vita ci sia un quaranta per cento di fregature e un sessanta di cose che vanno a buon fine. Nonostante tutto resto un moderato ottimista

NoteModifica

  1. a b Citato in Pierluigi Panza, L'esperienza della bellezza. Ecco la nostra identità, Corriere della Sera, 22 aprile 2017, p. 53.

Altri progettiModifica