Alice Bellandi

judoka italiana

Alice Bellandi (1998 – vivente), judoka italiana.

Citazioni di Alice BellandiModifica

  • Il judo ti insegna tantissimi valori tra cui il rispetto incondizionato per l'avversario, quindi per chi hai davanti, ti insegna ad apprezzare la sofferenza ed il sacrificio e di sofferenza non parlo solo in termine di allenamento, ma anche in termine fisico: a nessuno piace "prender botte" ma a volte capita ed è lì che devi saper reagire per diventare un vincente. Oltre a questo ti insegna a guardare in faccia le tue paure, quando combatti, davanti hai una persona che ha il tuo stesso obbiettivo: batterti, ed hai due possibilità o affronti le tue paure o ti fai schiacciare.[1]
  • Inizialmente, quando sono stata buttata dentro, ho vissuto tutto come sempre, come una ragazzina. Neanche pensavo a quello che stava succedendo, mi limitavo a salire e combattere come avevo sempre fatto. Infatti sono arrivate le prime medaglie perché non mi conoscevano e poi comunque non ero proprio l'ultima arrivata. Dopo ho cominciato a realizzare che non era più un gioco e che a livello senior sei un talento tra i talenti, quindi ci vuole anche quel qualcosa in più. Per me è stato brutto perché a un certo punto mi sono trovata davanti al fatto che non bastava più il mini-talento, ma serviva qualcosa in più che non era dato solo da te stessa e doveva venire da un percorso di crescita.[2]
  • Io non credo in nessun "segreto per il successo", credo nel lavoro, nella dedizione e nell'impegno costante che ogni giorno da quando ho deciso che sarebbe stata la mia strada, ci metto. Potrei definirla più come un ossessione.[3]

NoteModifica

  1. Citato in Claudia Radente, Bellandi (judo): "Noi atleti siamo macchine tarate per i quadrienni olimpici", ilsole24ore.com, 11 Luglio 2020.
  2. Dall'intervista di Erik Nicolaysen, Alice Bellandi, judo: "Volevo tutto e subito, ora ho capito che devo crescere. Tokyo nel 2021 un vantaggio", oasport.it, 31 maggio 2020.
  3. Dall'intervista Alice Bellandi, il mio sogno è vincere l'oro olimpico, imgpress.it', 3 aprile 2020.

Altri progettiModifica