Alessandro Mannarino

cantautore italiano
Mannarino nel 2011

Alessandro Mannarino, noto artisticamente come Mannarino (1979 – vivente), cantautore italiano.

Citazioni tratte da canzoniModifica

Bar della rabbiaModifica

Etichetta: Leave Music, 2009.

  • Quando io sono solo con te | sogno immerso in una tazza di tè. | Ma che caldo qua dentro! | Ma che bello il momento! | Quando sono con te | non so più chi sono perché | crolla il pavimento | e mi sciolgo qui dentro. | Quando penso a te | mi sento denso perché | io ti tengo qua dentro di me, | io ti tengo qua dentro con me. (da Me so' mbriacato, n. 2)
  • Quando io sono solo con te | io cammino meglio perché | la mia schiena è più dritta, | la mia schiena è più dritta. | Quando sono con te | io mangio meglio perché | non mi devo sfamare, | non mi devo saziare con te (da Me so' mbriacato, n. 2)
  • Svegliatevi italiani, brava gente, | qua la truffa è grossa e congegnata, | lavoro intermittente, | solo un'emittente, | pure l'aria pura va pagata. (da Svegliatevi Italiani, n. 3)
  • E la poesia, cosa leggera, | persa nel vento s'è fatta preghiera. (da Svegliatevi Italiani, n. 3)
  • Giovanni grida solo per la via: "Fermatevi parliamo di poesia" | ma tutti vanno avanti | contano i contanti | minaccian di chiamar la polizia. (da Svegliatevi Italiani, n. 3)
  • E trovandosi sotto il giudizio | né di un Dio né di un tribunale | disse vino al vino pane al pane... | era meglio andare a puttane! (da Le cose perdute, n. 5)
  • Nella giungla scomposta del letto | una donna senza un difetto | si incastrò dentro ad una ruga, | scelse la morte come unica fuga. (da Le cose perdute, n. 5)
  • So na montagna... se Maometto nun viene, | mejo... sto bene da solo, er proverbio era sbajato! (da Il bar della rabbia, n. 6)
  • So er giro a voto dell'anello cascato ar dito della sposa | che poi l'ha raccorto e me l'ha tirato e io je ho detto: "Mejo... sto bene da solo..." | Senza mogli e senza buoi, | e se me libero pure dei paesi tuoi sto a cavallo, | e se me gira faccio fori pure er cavallo... | tanto vado a vino, mica a cavallo! (da Il bar della rabbia, n. 6)
  • So er buco nero der dente cascato ar soriso del fortuna | e la cosa più sfortunata e pericolosa che m'è capitata nella vita | è la vita, che una vorta che nasci, giri, conosci, intrallazzi | ma dalla vita vivo nunne esci... | uno solo ce l'ha fatta, ma era raccomannato. | Io invece nun c'ho nessuno che me spigne... | Mejo... | N' se sa mai... visti i tempi! (da Il bar della rabbia, n. 6)
  • Ma mo che viene sera e c'è il tramonto | io nun me guardo 'ndietro... guardo er vento. | Quattro ragazzini hanno fatto n'astronave co 'n po' de spazzatura vicino ai secchioni, sotto le mura dove dietro nun se vede e c'è n'aria scura scura. | Ma guarda te co quanta cura se fanno la fantasia de st'avventura, | me mozzico le labbra, me cullo che me tremano le gambe de paura | poi me fermo e penso: "Però che bella sta bella fregatura..." (da Il bar della rabbia, n. 6)
  • Venga l'amor o la rovina che nel vento va. (da Tevere grand hotel, n. 7)
  • Ho tagliato le mie unghie e c'ho fatto una lametta, | la lascio sopra al cesso che ti possa depilare | da quando non ti amo la tua pelle è ormai sospetta, | t'è cresciuto forte il pelo sullo stomaco e sul cuore | e ti dà tanto dolore (da Scetate vajò, n. 8)
  • Ho tagliato le mie vene e c'ho fatto una tintura | la lascio sulla vasca che ci possa colorare | da quando non ti amo la tua veste è sempre scura, | i tuoi abiti sono neri come corvi sopra bare, stanno sempre a gracchiare. (da Scetate vajò, n. 8)
  • Amure mio, 'a vita è n'estate lassa stari i corvi lassù | ca non c'è Dio ma c'è un cantu di streghe e n'tu lettu c'è un diamante che ho nascosto e u poi pigghiari sulu tu. (da La strega e il diamante, n. 10)
  • Ho capito tutto! E ogni sera desso, faccio quel che faccio | ogni volta cambio faccia e ogni volta cambio nome, | una notte sono agnello una leone. (da La strega e il diamante, n. 10)
  • Signori miei, io nun posso piagne per questioni di sicurezza nazionale. | Che se me metto a piagne io... | Se io me metto a piagne... | Se io me metto a piagne, io... | S'allagherebbe tutta Roma, te porterei in gondola a piazza Navona... | S'allegherebbe pure er deserto e la Sfinge nuoterebbe in mare aperto... | S'allagherebbe l'universo, er firmamento brillerebbe da sommerso... | S'allagherebbe er paradiso cor pianto mio... | E so' 'n pagliaccio, mica Dio. (da Il pagliaccio, n. 11)
  • Ti ho dato il mio cuore un bel giorno | e non ha più fatto ritorno | in cambio mi hai dato erbe amare | ed io le ho volute mangiare. | Dei miei occhi hai preso il bagliore | uno specchio per vederti migliore | in cambio mi hai dato il veleno | e un dolce di spine ripieno. (da L'amore nero, n. 12)
  • C'ho creduto come una preghiera | che un amore è una primavera | ho tremato di gelo e d'assenzio | nel mare nero del tuo silenzio. (da L'amore nero, n. 12)
  • Per una notte di vino | pagherò cento giorni d'aceto. (da L'amore nero, n. 12)
  • Ballerine danzano sul lucido parquet | vassoio ripieno di cliché | vassoio che gocciola sul cachet | lascialo li sul mio divino divano formato | di fino di pelle di uomo coperto ed erto. | Sono un esperto | di archi e tetture, di architetture, | ma le tette, maledette... | a me piacciono di più! (da Soldi, n. 13)

SupersantosModifica

Etichetta: Leave Music, 2011.

  • Nell'edera è l'inganno dell'estate | e il vento che sa tutto passa e va | porta via le lacrime alle spose | fra le baracche di questa città. (da Rumba Magica, n. 1)
  • O mammà come se fa? | Ce dicono de vive da morti, pe' poi resuscità. (da Serenata lacrimosa, n. 2)
  • Ar fiume c'è chi va controcorente, | c'è chi c'ha troppo e chi non c'ha più niente, | chi beve nella fogna e chi alla fonte, | chi se regala un bacio e chi un diamante, | c'è chi se sposa e c'è chi fa l'amante... (da Serenata lacrimosa, n. 2)
  • Solo me chiedo perché | sto così bene co' te, | io che non ho paura | nella notte scura | a fa risse, guerre, scommesse, | mille schifezze | tremo tremo forte fra le tue carezze. (da Statte zitta, n. 3)
  • Amore in fondo | la vita mia è una bottiglia che se scola | e non me serve fra le lenzuola | chi me consola. | Me ne andrò su una barca che vola, | me ne andrò ma non resterai sola (da Statte zitta, n. 3)
  • Quando l'amore se ne va | partono le rotelle | i letti so barelle | vendono le stampelle | se spaccano le bielle | e non c'è niente da fa' | a piedi a casa devi ritorna'. (da Quando l'amore se ne va, n. 4)
  • C'è chi ha detto qui non va pe niente, | gliel'ha strillato in faccia a un governante | e adesso sta in un centro per la mente. (da Serenata silenziosa, n. 6)
  • C'è chi ha detto basta, adesso è troppo | mo me riposo poi domani lotto | s'è risvejato che era tutto rotto. (da Serenata silenziosa, n. 6)
  • E fu amore e fu rivoluzione. (da Maddalena, n. 7)
  • Giuda e Maddalena stanno insieme | e girano nascosti fra la gente | e vanno al fiume a far l'amore | su una barchetta che va controcorrente. (da Maddalena, n. 7)
  • E in questa strada sporca come il mondo quanto è bello camminar (da Marylou, n. 8)
  • A volte al gregge infame della gente | serve un lupo nero da ammaestrar | [...] | ma forse è meglio vivere all'inferno che in una santissima città. (da Marylou, n. 8)
  • Era un merlo rosso e cantava solo per sé, | ma poi un giorno m'ha vista piangere, | e le mie labbra avevano da bere | solo lacrime turbo diesel nere. (da Merlo rosso, n. 9)
  • C'era una rosa che stava per morire, e un merlo rosso vedendola che fa, | prende una spina, su di lei si china | e col suo sangue le toglie la rovina, | la porta in dono a una ragazza pazza, che aveva perso gli occhi in una nottataccia. (da Merlo rosso, n. 9)
  • Le lacrime dell'inferno servono a qualcosa | nutrono la terra, fan crescere una rosa, | guardatela è tornata, ha gli occhi sopra il viso, | la rosa nelle mani le riportò il sorriso, | le riportò il sorriso. (da Merlo rosso, n. 9)
  • E fece finta di non avere mai avuto paura, | fece finta di non avere mai amato nessuna. (da L'onorevole, n. 10)
  • E guardava dall'alto della sua fossa la gente che manifestava nella piazza | e scorse fra la folla la sua amata | con le lacrime in tempesta sopra il viso | e quando vide che veniva calpestata | non si scompose, ma abbozzò un sorriso. (da L'onorevole, n. 10)
  • Amore mio come farò, | quest'inverno che t'ha gelato il sangue ti lusinga, | amore mio ti seppellirò | questa notte che m'ha coperto il volto ti contenta. (da L'onorevole, n. 10)
  • L'ultimo giorno dell'umanità, un uomo e una donna chiusero le tende | e non curandosi più dell'aldilà riuscirono ad amarsi più teneramente. (da L'ultimo giorno dell'umanità, n. 11)
  • L'ultimo giorno dell'umanità, | il terzo figlio trovò l'amore. | Trenta euro per tre graffi sulla schiena | e una moglie in un albergo ad ore. | Intanto sul monte del Calvario | smontavano le Croci, | e ci nasceva un centro commerciale | e due fiori che gridavano feroci. | Il paradiso fu sul letto, | l'eternità in un secondo. | E così finì una storia | da poco della fine del mondo. | Andando per le strade | si nasce e si muore. | Io ti ho amata per sempre | e ti ho avuta per due ore. (da L'ultimo giorno dell'umanità, n. 11)

Al monteModifica

Etichetta: Leave srl/Universal, 2014.

 
Mannarino nel 2018
  • Quello che mi ha detto una ragazza all'ospedale | è che l'uomo si fa bestia quando non riceve amore. (da Malamor, n. 1)
  • Quando cresci in un paese in provincia di lamiera | non hai molta scelta tra la fame o la galera, | se non muori per le botte o per atti criminali | ti uccidono quei giorni sempre vuoti e tutti uguali. (da Malamor, n. 1)
  • Ma io trovai un binario sulla linea regionale | che rigava sempre dritto fino al campo militare, | mi tagliarono i capelli e quando caddero per terra la mia testa era più vuota quindi pronta per la guerra. (da Malamor, n. 1)
  • I serpenti sono tanti, | quasi quanto i santi, | cambiano i vestiti, | son sporchi dentro, fuori eleganti. (da Gli animali, n. 3)
  • Cambiano i governi | ma non cambiano gli schiavi... | Urla l'agnellino | ai poliziotti cani. (da Gli animali, n. 3)
  • "Nonno, nonno, posso farti una domanda | sulla nostra vita di pesci del mare? | Perché ogni tanto qualche compagno scompare?" | "Perché è stato preso | dalla rete del pescatore" | "Ma ce sarà un modo per non farsi acchiappare?" | "Bisogna sapé distingue | la luce delle stelle, da quella delle lampare." (da Gli animali, n. 3)
  • E certe botte non lasciano i segni | però a volte nella notte bruciano. (da L'impero crollerà, n. 4)
  • Il detenuto | è come un figlio da educare, | finché abbassi per sempre | gli occhi della sfida | e di un figlio | che non riconosce il padre | faremo un morto | che non può riconoscere | l'omicida. (da Scendi giù, n. 5)
  • Scendi giù bella, scendi giù, | scendi giù bella, scendi giù, | dammi l'ultimo bacio | che non tornerò più. (da Scendi giù, n. 5)
  • I nostri cuori d'oro | ai fabbri più feroci | a colpi di martello | ne facciano due croci. (da Gente, n. 6)
  • Quando piangi questo mondo si rintana | chiude orecchie, porte, mette una catena | intorno al braccio e s'addormenta | perché sentire che si soffre è una tormenta. (da Signorina, n. 7)
  • Forse basta questa lacrima d'amore | a riempire il gran deserto e farci il mare. (da Signorina, n. 7)
  • Il mondo era un'arca di Noè che andava persa, alla deriva | ma per quei due il diluvio universale era solo una piccola pioggia estiva. (da Al monte, n. 8)
  • Fuggirono verso il futuro | inseguiti dai gendarmi di quel che era stato. | "Tranquilla troveremo un posto, tutto si sistemerà" | Lei gli risponde: "Non lo so, adesso che ci amiamo chi ci proteggerà?" (da Al monte, n. 8)
  • E stasera poi mi sono pettinato bene | e sto con te | forse va bene | e ci riprovo. (da Le stelle, n. 9)

Altre canzoniModifica

  • Vivere la vita è una cosa veramente grossa, | c'è tutto il mondo tra la culla e la fossa, | sei partito da un piccolo porto | dove la sete era tanta e il fiasco era corto. (da Vivere la vita, 2011)
  • La vita è la più grande ubriacatura | mentre stai bevendo intorno a te tutto gira | e incontri un sacco di gente | ma quando passerà non ti ricorderai più niente, | ma non avere paura, qualcun altro si ricorderà di te. (da Vivere la vita, 2011)
  • Puoi cambiare camicia se ne hai voglia | e se hai fiducia puoi cambiare scarpe... | Se hai scarpe nuove puoi cambiare strada | e cambiando strada puoi cambiare idee | e con le idee puoi cambiare il mondo... | ma il mondo non cambia spesso | allora la tua vera Rivoluzione sarà cambiare te stesso. (da Vivere la vita, 2011)

Altri progettiModifica

OpereModifica