Strappare lungo i bordi

serie animata italiana

Strappare lungo i bordi

Serie animata

Immagine Zerocalcare - Lucca Comics and Games 2012.JPG.
Titolo originale

Strappare lungo i bordi

Lingua originale italiano
Paese Italia
Anno

2021 - in corso

Genere commedia
Stagioni 1
Episodi 6
Produttore Davide Rosio, Giorgio Scorza
Regia Zerocalcare
Rete televisiva Netflix
Doppiatori originali

Strappare lungo i bordi, serie animata italiana del 2021 scritta e diretta da Zerocalcare.

Episodio 1Modifica

  • Voce narrante: Oh, la prima volta che ho visto Alice era l'estate del 2001. Non capivo un cazzo di niente, avevo diciassette anni e facevo la maturità insieme allo scudetto della Roma.
    Tifoso [parlando con Zero, con tono minaccioso]: Ma perché, a te n'te piace er calcio?
    Zero [mentre indossa una maschera dell'Unità-01]: Ma perché, questa non è la festa per l'uscita der DVD de Evangelion?
  • Ero così innamorato che ho pensato "Sai che c'è? Io a questa non je dico proprio 'n cazzo de niente, senno' divento rosso come n'aragosta, lei pensa che so' 'n sottone, invece devo sembra' super truce che nun me ne frega 'n cazzo!" (Zero)
  • Voce narrante [parlando di lui e Alice]: E quindi gnente, rimaneva sto rapporto dilatato che se scrivevamo ma nun se parlavamo. Stavamo sempre a semina' ma nun raccojevamo mai.
    Armadillo: Tanto se 'na cosa deve succede, succede. Tutta sta fretta de fa succede le cose c'a messa er capitalismo, e 'nfatti poi c'ha dato 'a cocaina pe' sta ar passo.
    Voce narrante: E allora noi andavamo lenti perché pensavamo che la vita funzionasse così: che bastava strappare lungo i bordi piano piano, seguire la linea tratteggiata di ciò a cui eravamo destinati, e tutto avrebbe preso la forma che doveva avere... perché c'avevamo diciassette anni e tutto er tempo der mondo... come Achille e 'a Tartaruga.
    Armadillo: Aoh! Guarda che mica hanno scopato Achille e 'a Tartaruga, eh! Lui s'è messo co' Marika de Cinecittà e lei co' n'artra tartaruga de Villa Ada. No, t'o volevo dì, eh!
    Voce narrante: Chissà se c'hanno mai avuto rimpianti st'artri du deficienti...
  • Voce narrante: A 'a fine se so' fatte 'e quattro de notte e so' annato a dormi', frustrato come 'na merda senza guarda' 'n cazzo, 'o sentito l'Armadillo che me diceva:
    Armadillo: Dai, su. Se su ottomila film nun te ne va bene manco uno, forse sei te che nun vai bene.
    Voce narrante: E me so' interogato e ho convenuto ch'è vero, che so' io quello difettoso e che nun posso trova' fori quello che me manca dentro. [pausa] Però è pure vero che volevo guarda' 'na serie, no fa psicoterapia, li mortacci tua!
  • È incredibbile come avete fondato millenni de dominio maschile sur vittimismo piagnone! (Sarah)

Episodio 2Modifica

  • Giovane Zero: Ma perché er fatto che so stupido io deve esse na delusione per te?
  • Voce narrante: Un giorno me ricordo che c'hanno ridato un compito e io e Secco eravamo stati i peggio de tutta la classe, e io j'ho chiesto:
    Giovane Zero: Ma Secco, Santa Brigida! Ma non te rendi conto che l'abbiamo delusa?? [la prof. Mazzetti] Ma come convivi co' sta consapevolezza d'esse un carnefice?
    Giovane Secco [dopo una lunga pausa]: A me nun me ne frega 'n cazzo, annamo a pija' 'r gelato?
    Giovane Zero: Ma com'è possibbile?! Ma nun c'hai un minimo de core pe' quella povera donna che potrebbe esse nostra madre? Non te senti 'na merda a delude le sue aspettative?
    Giovane Secco: A me nun me ne frega 'n cazzo, annamo a pija' 'r gelato?
  • Giovane Sarah: Madonna Ze'! Ma che cazzo jene frega de me, de te, de noi alla Mazzetti! Lei ce l'ha un fijo e nun sei te! È un cojone che va a lo Zecchino d'Oro vestito da Renato Zero. Te sei er lavoro suo, uno dei quattrocento regazzini che ha visto prima de te e che vedrà dopo de te. C'hai fatto caso che ogni tanto te chiama "Zeno"?
    Giovane Zero: E c'ho fatto caso sì, ma se sbajano tutti perché je sona mejo...
    Giovane Sarah: No! Nun è che se sbaja, te confonde proprio, co' Zeno Ventriglia de la terza B!
    Giovane Zero: Ventriglia de la terza B?! Quello gobbo che scoreggia!? La notizia mi devasta! Ma come me fa a confonde?! Nun è possibbile!
    Giovane Sarah: Nun sei onnipotente, Ze'. Nun sei er centro der mondo d'aa Mazzetti. Noi la vedemo là da sola alla cattedra e ce sembra l'obelisco d'a vita nostra, ma 'a vita sua inizia all'una e mezza quanno esce da qua! Te sei un numero in mezzo a un' infinità de numeri. Tolto a tu' madre, nun jene frega un cazzo a nessuno se piji quattro, otto o dieci a matematica.
    Voce narrante: Me sa che lei ha visto che tutte le mie certezze stavano andando a pezzi. Me se stava popo a crepa' la faccia, e ha aggiunto:
    Giovane Sarah: Ma 'n te rendi conto de quanto è bello? Che non porti er peso der mondo su 'e spalle, che sei soltanto un filo d'erba in un prato. Nun te senti più leggero?
    Voce narrante: Io non lo so se era proprio così, magari certi insegnanti stanno più in fissa de artri... Però me ricordo che quer giorno, in effetti, ho pensato che c'era qualcosa de incredibilmente rasserenante nell'esse solo un filo d'erba, che nun faceva 'a differenza pe' nessuno, e nun c'aveva 'a responsabilità de tutti i mali der mondo.
  • Zero: Porcoddue, che sfiga! De tutti i giorni popo oggi dovevo buca'!
    Sarah: Comunque nun è sfiga, eh! Se piji er marciapiede a novanta all'ora bucavi pure se c'avevi er trattore corazzato!
    Voce narrante: Io non raccolgo la provocazione, so' superiore!

Episodio 3Modifica

  • Voce narrante: Sarah è da tutta 'a vita che vole insegna' ed era rimasta saldamente ancorata a questa convinzione durante tutta l'evoluzione storica del nostro sentire verso gli insegnanti. Da ragazzini, quando diceva:
    Giovane Sarah: Da grande voglio fare la prof.
    Voce narrante: Tutti je dicevamo:
    Giovane Zero: A 'nfame pezza demmerda, te la fai co' chi ce sequestra er game-boy?! Lo sai ai tempi de mi cugino che je facevano ai collaborazionisti a scola? Er cappotto de legno! [la bara]
  • Voce narrante: Pure Alice faceva 'e ripetizioni, lei era un altro fulgido esempio de dedizione alla causa. S'era messa a studià matematica all'università, se doveva mantenere perché era 'na biellese fori sede, e quindi co' le ripetizioni andava forte perché tutti i problemi de algebra, de trigonometria, era 'na robba che lei ormai se 'a legava ar cazzo.
    Armadillo: Ehm-ehm... "Se la legava ar cazzo"?
    Zero: Che è, nun se pò dì? È sessista?
    Armadillo: Be', nun lo so... Però lei manco ce l'ha er cazzo! Perché te devi anna' a impelaca' cor rischio de fa rosica' 'a gente? Eddai! "Se 'a legava ar cazzo"...
    Zero: Vabbè, pe' lei era come "Bere un bicchiere d'acqua"!

Episodio 4Modifica

  • Aoh! Ma pe rompe er cazzo te pagano a te?! (Armadillo)
  • Il punto debole der capitalismo è che è boccalone, perde troppo tempo se ce deve controlla' tutti. È vulnerabbile... ai cazzari. (Armadillo)
  • In pratica io passavo er tempo a cerca' lavoro perché me serviva pe' campa', ma quando 'o trovavo me volevo soltanto ammazza' piuttosto che annacce. Che poi è na grande sintesi de come campano tre mijardi de persone a sto mondo! (Zero)
  • 'Sta casa sarebbe tanto bella ma tu la tieni proprio de merda! Lo sai che 'a casa è er primo bijetto da visita de 'na persona? Se non c'hai er controllo su la tua casa significa che non c'hai er controllo della tua vita! (Madre di Zero)

Episodio 5Modifica

  • Voce narrante: Siccome si devo usci' de casa dopo e ventuno, il mio organismo percepisce la forza de gravità triplicata come su Giove, io pe famme forza chiedo all'armadillo:
    Zero: Oh, vieni pure te? Non stamo tanto, n'oretta e poi tornamo.
    Voce narrante: Lui me risponde:
    Armadillo: Sì, te vai co' la macchina, io te raggiungo cor coso... Come se chiama? Er coso, dai. Ah, sì, te raggiungo cor cazzo.
  • Voce narrante: Nun me ricordo gnente de quello che se semo detti. Me ricordo solo che era come se me fossi sdoppiato. Vedevo questa scena da fori di questi due che stavano abbraccicati in una sera più de quanto lo erano mai stati da tutti gli anni che se conoscevano, e lei diceva cose molto profonde che mo' nun ricordo ma che c'avevano un portato emotivo molto forte. Anzi me ricordo una sola frase che era:
    Alice: Per me non è importante che tu ci sia sempre ma devo sapere che quando tu sei con me ci sei davvero. Lo capisci?
    Copia di Zero: Madonna de Dio! No che no' 'o capisco! La verità è che io non capisco un cazzo de ste cose, è 'r limite mio! Io so' er campione imbattuto dell'aiuto pratico, er Michael Jordan dell'assistenza clienti! Sei n'amico mio e te se ferma 'a machina a Coccia de Morto alle quattro de matina? Io me metto 'e scarpe, pijo e arivo! C'hai fame? Me fermo al MacDrive, compro ottocento panini, je lascio un rene in pegno si nun c'ho i sordi pe' pagalli! C'hai sete? Vado a pija' l'acqua a Fiuggi e te 'a porto co' le orecchie! Posso fa tutto quello che c'ha un riscontro empirico e che riesco a afferrare coi cinque sensi! Però in tutto quello che invece è er campo dell'astratto, der "sostegno emotivo", de ste cose aleatorie io 'n ce capisco 'n cazzo, vado in paranoia! Ma che vor dì che quando sto co' te ce devo sta davero? Nun è che credo che intendi che te vojo da' 'na sola, no? Che te dico che so' io e 'nvece mando n'ologramma! Quindi non capisco! Che è, 'na robba emo?
  • [Zero rientra a casa]
    Armadillo: Hai scopato?
    Zero: No.
    Armadillo: Bravo. Sei un grande. Sei cintura nera de come se schiva la vita. Quinto dan.

Episodio 6Modifica

  • Sarah: Semo fili d'erba, te ricordi?
    Voce narrante: No 'o so, so' confuso. Mo me sento un cojone egocentrico, e pure 'a storia dii fili d'erba io 'o so ch'è vera e nun fa na piega, eppure nun me riesce a fa quell'effetto rasserenante de trent'anni fa. Sarà pure che me guardo intorno adesso e più che fili d'erba a me me pare che semo popo stracci. Brandelli sottili e ciancicati uguali a 'e vite che se ritrovamo in mano. E semo pure stupidi perché se 'mpuntamo a fa er confronto co 'e vite dell'artri che a noi ce sembrano tutte perfettamente ritajate, impilate e ordinate, e magari so' così perfette solo perché noi le vediamo da lontano, invece sotto l'occhi c'abbiamo solo ste cartacce senza senso... che so' popo distanti d'a forma che avevamo pensato. Calcola che se domani ariva San Pietro e me chiede che forma c'hanno 'e vite dee persone 'ntorno a me... Mo no 'o so perché San Pietro, me pare uno che ste domande der cazzo le fa... Io je risponderei...
    Zero: La forma de una che pensava de fa l'insegnate e ha passato la vita a insegui' quer sogno, a ritaja' quella sagoma là... e mo 'nvece tutta l'esistenza sua je se squaja tra 'e mani giorno dopo giorno in un ufficio de merda fori dar raccordo a porta' er caffè a gente che manco se ricorda come se chiama. [si riferisce a Sarah] Oppure 'a forma de uno che vive sempre in bilico co' 'sta spada de Damocle su 'a capoccia, che se sto mese non je staccano la luce e er gas dipende solo da che carte je so' capitate in mano a sto giro e da quanto so' forti o so' pippe l'artri giocatori der torneo. [si riferisce a Secco].
    Voce narrante: Ecco, forse a 'a fine a Pietro je direi...
    Zero: A Pie', io no 'o so se questa è ancora 'na battaja oppure se ormai è annata così, che avemo scoperto che se campa pure co' ste forme frastajate accettando che nun ce faranno mai gioca' ne'a squadra de quelli ordinati e pacificati... però se potemo comunque strigne intorno ar foco e ricordasse che tanto alla fine tutti i pezzi de carta so' boni pe' scaldasse. E certe vorte quer foco te basta... e artre vorte no. [si riferisce ad Alice che è morta suicidandosi]

Altri progettiModifica