Differenze tra le versioni di "Pietro Aretino"

"citazioni" ha senso solo se ci sono altre sottosezioni come ad esempio "incipit"
("citazioni" ha senso solo se ci sono altre sottosezioni come ad esempio "incipit")
 
==''Lettere''==
===Citazioni===
*Essendo, signor mio, maggior la felicità del [[dono|donare]] che quella del ricevere, io ho caro fuor di modo che dal presente de gli scudi de la impresa e del saio di raso bianco che mi fate, nasca in voi il sommo grado de la consolazione. Ed è vostra gran ventura che tanto possa la vertù de la cortesia; perché facendo voi l'essercizio de la liberalità nel donar continuo, continuamente siete felice. Per la qual cosa farei ingiuria a la Signoria Vostra prolungandomi in ringraziarla di quello che, per avere accettato i suoi doni, merito di esser ringraziato io. (da ''Al conte Guido Rangone'', p. 14)
*Chi non dubita de le promesse de i principi, non sa ciò che sia [[dubbio]]. (da ''Al conte Massimo Stampa'', p. 108)