Differenze tra le versioni di "Pietro Aretino"

1 109 byte rimossi ,  10 mesi fa
→‎Citazioni di Pietro Aretino: Rimuovo le citazioni spostate nella sezione ''Lettere''
(→‎Lettere: Inserimento citazione con wlink)
(→‎Citazioni di Pietro Aretino: Rimuovo le citazioni spostate nella sezione ''Lettere'')
==Citazioni di Pietro Aretino==
*Chi non sa che la [[filosofia]] è simile a uno che favella sognando? Ella è una speculativa confusione che cinguetta in essempio e in oscurità, scrivacchiando in figure e in chimere, come le rivelazioni divine piovessero negli ingegni umani a vanvera; [...].<ref>Dolce: in ''Ragionamento de le corti'', parte prima; in ''Opere di Pietro Aretino e di Anton Francesco Doni'', vol. 26, a cura di Carlo Cordié, Riccardo Ricciardi Editore, 1976, p. 441.</ref>
*Da la culla, e non da la [[scuola|scola]], deriva l'eccellenza di qualunque ingegno mai fusse.<ref>Da una lettera a Coccio, n. 347, marzo 1548; in ''Tutte le opere di Pietro Aretino: Lettere, libro 1-2'', con note storiche di Alessandro del Vita, a cura di Francesco Flora, Mondadori, 1960.</ref>
*{{NDR|[[Ultime parole]]}} Guardatemi dai topi or che son unto.<ref>Citato in Cesare Cantù e Gaetano Barbati, ''Storia degli italiani, Volume 5'', G.P. Lauriel, 1858, [http://books.google.it/books?id=DH0KAAAAIAAJ&pg=PA487 p. 487].</ref>
*[...] il mondo ha molti re e un sol [[Michelangelo Buonarroti|Michelagnolo]].<ref>Da una lettera al divino Michelagnolo, 15 settembre 1537; in ''Il primo libro delle lettere, Volumi 51-54'', G. Daelli, 1864, [https://books.google.it/books?id=vm-2lVuBM8IC&pg=PA230 p. 230].</ref>
*[...] il soverchio de lo [[studio]] procrea errore, confusione, maninconia, còlerà e sazietà.<ref>Da una lettera a Agostino Ricchi, n. 380, 3 luglio 1538; in ''Il secondo libro delle lettere'', a cura di Fausto Nicolini, Gius. Laterza & figli, 1916, p. 63.</ref>
*[...] l'[[arte]] è una nativa considerazione de l'eccellenze de la natura, la quale se ne vien con noi da le fasce.<ref>Da una lettera a Coccio, n. 223, settembre 1547; in ''Lettere'', a cura di Paolo Procaccioli, Salerno, 2000, p. 151. ISBN 88-8402-311-4</ref>
*La [[verità]] figliuola è del gran Tempo.<ref>Citato in [[Giuseppe Fumagalli]], ''[[s:Indice:Chi l'ha detto.djvu|Chi l'ha detto?]]'', Hoepli, 1921, p. 529.</ref>
:''Veritas filia temporis''.
6 104

contributi