Differenze tra le versioni di "Ultime parole da Oz"

::{{spiegazione|Tornato ad Oz, Alvarez prova a sfuggire all'isolamento proponendosi come spia al direttore, ma Morales vuole che uccida Redding prima di riammetterlo tra le sue fila: Alvarez prova allora a vendersi a Redding come sicario per uccidere il latinoamericano, ma il nero rifiuta. Frustrato, Alvarez si imbatte in Jorge Vasquez, vecchio amico di Carlos Ricardo, che lo minaccia dicendo che lui e Guerra gli faranno presto la festa: ormai stanco e desideroso di tornare all'isolamento, Alvarez invita il latinoamericano ad attaccarlo subito e appena questi Vasquez prova a colpirlo gli prende il coltello e gli taglia la gola.}}
 
*Imam! ('''Leroy Tidd/Sallah Udeen''')
*Beh, addio Said. ('''Moses Dayell''')
*No, Chico, no! ('''Vittima di Guerra''')
*Sei stato tu... Che... Maledetto... ('''Kevin Ketchum/Supreme Allah''')
*Io non sono abituato a questa logica. ('''Colonnello Edward Galson''')
*Io...Perfetto... Abbracciami...Abbracciami, Leo...Abbracciami... ('''Clayton Hughes''')
*Lasciami, no! ('''Pedro Calderon''')
*Aldilà dei fatti sto una favola. Scommetto che sono uno dei cinque che prende il placebo. ('''Fred Wick''')
::{{spiegazione|Su finanziamento di un'agenzia sanitaria, la Nathan sperimenta su alcuni detenuti un farmaco che li fa invecchiare fino all'età che dovrebbero avere alla fine della pena: tra i detenuti che accettano la sperimentazione vi sono Beecher, i fratelli O'Reily e Jaz Hoyt. Presto gli effetti iniziano a vedersi, in particolare su Cyrill, che si ritrova coi capelli bianchi: osservandolo, Hoyt e il biker Fred Wick commentano la vicenda convinti che loro non subiranno effetti collaterali, ma improvvisamente Wick cade a terra col naso da cui esce del sangue, morendo per gli effetti collaterali del farmaco.}}
Utente anonimo