Differenze tra le versioni di "Richard Nixon"

1 915 byte aggiunti ,  2 anni fa
*Non c'è dubbio che Jawaharlal Nehru sia stato un grande capo rivoluzionario. Nelle mie conversazioni con lui ebbi modo di rendermi conto del perché della sua grande influenza sul popolo indiano. Egli era dotato di un naturale alone di misticismo, ma era facile capire che ad esso si legava una perfetta comprensione dei meccanismi del potere, assieme ad una incrollabile risoluzione di usare il potere, persino con mano pesante, ove ciò fosse necessario.<br>La sua eredità all'India è... l'India stessa. (p. 388)
*È oggi una sorta di cliché il parlare dell'India come della «democrazia più popolata del mondo». In ogni caso, per quanto l'India potesse maggiormente progredire se frazionata, Nehru è riuscito ad unirla in una sola entità nazionale ed è riuscito a farlo con la democrazia. Sua figlia, invece, è ricorsa a volte a poteri dittatoriali per mantenere il potere o per riguadagnarlo. Dubito che Nehru sarebbe mai ricorso a certi "trucchi". (p. 388)
*Il [[Medio Oriente]] è il crocevia del mondo, la culla della civiltà. I suoi santuari sono sacri per tre grandi religioni. Oggi è un'area di nomadi e di sapienti, di bazar e di laboratori, di pozzi di petrolio e di kibbutz, di democrazie e di Ayatollah. Vi sono regioni dove i contadini coltivano la terra con gli stessi metodi degli antenati di 1000 anni fa. In altre zone, nelle grandi città, vi sono donne eleganti che leggono i principali quotidiani del Cairo e di Londra mentre si dirigono verso i loro moderni uffici. Il Medio Oriente è un'entità fragile, vulnerabile, dove si incontrano i conflitti tra l'Ovest e l'Est. Il Medio Oriente rimane invischiato in mille correnti contrarie ed è percorso da fermenti emozionali esplosivi più di qualsiasi altra zona del mondo. Ed al momento dei più grandi cambiamenti, straordinari leaders emersero dalla regione. (p. 396)
*La leadership di [[Gamal Abd el-Nasser|Nasser]] fu "pirotecnica". Passò nel cielo del Medio Oriente come una meteora, non dettando legge ai soli egiziani, ma all'intero mondo arabo. Impulsivamente si gettò a capofitto negli affari delle altre nazioni arabe, organizzando insurrezioni, tramando assassinii e cercando di distorcere qualsiasi piano di unità panaraba che non prevedesse la sua direzione. Si fece molti nemici ed alcuni amici. Pochissimi furono quelli che riuscirono a rimanere neutrali nei suoi confronti. (p. 412)
*Nasser aveva un carattere instabile, impaziente, dittatoriale ed era posseduto da grandiose ambizioni che presero sempre il sopravvento sulle necessità pratiche della sua gente. (pp. 413-414)
*Ciò che rese Nasser tanto amato fu la capacità di restituire l'orgoglio, l'anima e lo spirito alla sua nazione. (p. 414)
*Nasser finiva per rimanere un rivoluzionario incapace di rassegnarsi al fatto che la rivoluzione fosse ormai finita e che fosse quindi necessario consolidarne i risultati. (p. 416)
 
==Citazioni su Richard Nixon==
20 312

contributi