Apri il menu principale

Modifiche

+2. Fonte: snippet.
==C==
*'''Chi si [[inchino|inchina]] troppo mette in mostra er culo.'''<ref>Citato in ''Proverbi romaneschi'', a cura di [[Giggi Zanazzo]], 1886.</ref>
 
==D==
*'''De la cerqua ce nasce la cerquignòla.'''<ref name=oak>Citato con spiegazione in Filippo Chiappini, ''Vocabolario romanesco'', Chiappini, Roma, 1967, [https://books.google.it/books?hl=it&id=rAcQAQAAIAAJ&dq=Un%27accettata+non+atterra+una+quercia.&focus=searchwithinvolume&q=accettata p. 76].</ref>
:''Dalla [[quercia]] nasce il querciolo.''
::{{spiegazione|Qual è il padre tale è il figlio.}}
 
==E==
*'''''Si è ber tempo a Candelòra | de l'inverno semo fora | ma si piove o tira vento | de l'inverno semo drento.'''<ref>Citato in [[Giovanni Artieri]], ''Napoli, punto e basta?, {{small|Divertimenti, avventure, biografie, fantasie per napoletani e non}}'', Arnoldo Mondadori Editore, Milano, 1980, pp. 639-640.</ref>
:''Se è bel tempo a Candelora | dall'inverno siamo fuori | ma se piove o tira vento | nell'inverno siamo dentro.''
 
==U==
*'''Un'accettata nun atterra una cerqua.'''<ref name=oak/>
:''Un colpo di accetta non abbatte una quercia.''
::{{spiegazione|Una disgrazia non rovina un uomo.}}
 
==Note==