Differenze tra le versioni di "Samuel Taylor Coleridge"

m
 
==Citazioni di Samuel Taylor Coleridge==
*''Chi si vanta di aver conquistato | una moltitudine di amici non ne ha mai avuto uno''. (da<ref>Da ''Pondere non numero'').</ref><ref name="multi">Citato in [[Guido Almansi]], ''Il filosofo portatile'', TEA, Milano, 1991.</ref>
*I difetti dei grandi autori non sono in genere che la loro grandezza portata all'eccesso. (da<ref>Da ''Miscellanies'').</ref>
*I recensori sono spesso persone che sarebbero stati poeti, storici, biografi, ecc., se l'avessero potuto; hanno messo alla prova il loro talento qui e là, e non sono riusciti. A quel punto diventano critici.<ref>Da ''Lectures on Shakespeare and Milton'', I; citato in ''Dizionario delle citazioni''.</ref>
*Il [[laudano]] mi diede quiete, non sonno; ma, credo, tu sai quanto sia divino quel riposo, che incanto, quale oasi di fontane e fiori e alberi nel cuore stesso di un deserto di sabbia! (da<ref>Da una lettera del 1798 a George H. Coleridge<ref>Citato; citato in Andrew Weil e Winifred Rosen, ''Dal cioccolato alla morfina. Tutto quello che dovete sapere sulle sostanze che alterano la mente'', traduzione di Fabio Bernabei, Arcana, Roma, 2007, p. 107.</ref>)
*Il nano vede più lontano del gigante, quando ha le spalle del gigante su cui montare. (da<ref>Da ''The friend'').</ref>
*La più generale definizione della [[bellezza]] […] Molteplicità nell'Unità. (da<ref>Da ''On the Principles of Genial Criticism'').</ref>
*L'[[Arte]], intendendo il termine per indicare collettivamente pittura, scultura, architettura e musica, è la mediatrice e riconciliatrice di natura e uomo. È dunque il potere di umanizzare la natura, di infondere i pensieri e le passioni dell'uomo in tutto ciò che è l'oggetto della sua contemplazione. (da<ref>Da ''Sulla poesia o l'arte'').</ref>
*L'esperienza ci informa che la prima difesa degli spiriti deboli è recriminare. (<ref>da ''Biographia literaria'', 1817).</ref>
*Prega bene chi ama bene tutti: | sia l'uomo che l'uccello e le altre bestie. | Prega meglio chi meglio ama ogni cosa, | la piccola e la grande. (da<ref>Da ''La ballata del vecchio marinaio'').</ref>
*{{NDR|I [[lettura|lettori]] possono essere:}} 1) ''spugne'', che assorbono tutto quello che leggono, lo restituiscono nello stesso stato, solo un poco insudiciato; 2) ''orologi a sabbia'', che non ritengono nulla, e sono contenti di percorrere un libro tanto per passare il tempo; 3) ''filtri'', che trattengono solo la feccia di quel che leggono; 4) ''diamanti di Mogol'', come questo rari e preziosi, che approfittano di quel che leggono, e rendono altri capaci di profittarne.<ref>Da ''Poesie e prose'', Torino, 1931, p. 124; citato in Aldo D'Asdia e Pietro Mazzamuto, ''Letteratura italiana, Pagine di documentazione critica'', Felice Le Monnier, Firenze, 1973<sup>9</sup>, p. 9.</ref>
*Quella volontaria sospensione dell'incredulità sul momento, che costituisce la fede poetica. (da<ref>Da ''Biographia literaria'', 1817 – cap. XIV).</ref>
 
==''La leggenda del vecchio marinaro''==
26 782

contributi