Tommaso Landolfi: differenze tra le versioni

Sposto la sezione per rispetto sequenza alfabetica
(→‎Des mois: Creazione di sezione (questa volta, se non mi scappa nuovamente il dito, con una zeta...). Wikilove)
(Sposto la sezione per rispetto sequenza alfabetica)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
*È costume degli uomini tenere se possibile in gabbia l'oggetto del proprio amore. (III; 1992, p. 29)
*{{NDR|A Nena, Lilla, Bellonia e il Tostini}} Dio non è quello che credete. Dio è, monsignore {{NDR|Tostini}}, al pari di me, al pari di quella scimia, estraneo alle vostre complicate partite di dare ed avere! Dio non ha nulla a che fare colle vostre o nostre istituzioni morali, coi nostri altari, colle nostre ostie consacrate; non dico che sia al disopra o al disotto di queste cose, dico anzi che esse non gli appartengono, non gli sono pertinenti, o almeno non più di altre, di tutte le altre cose, di tutti gli altri moti dell'uomo, degli animali o degli astri. Dio non è un dio di giustizia, non è neppure misericordioso, non è cattivo e non è buono... (Padre Alessio: VII; 1992, pp. 76-77)
 
==''Des mois''==
===[[Incipit]]===
1963, NOVEMBRE<br>
La voce del Minimus è in fiocchi come la neve; richiama anche certe nuvole in falda, nell'azzurro.
===Citazioni===
*Ma ecco, perché diavolo sono stasera ai ricordi? Ricordare non serve... Eppure non si sa cosa si potrebbe fare di meglio. (p. 53)
*Non importa se sei gobbo, tu puoi di codesta gobba farti una gloria, un merito e un'arte di salvezza, quale forse non possono sperare quei dalle spalle piane e diritte... Ah, ma chi mai potrà mai ripagarli del non avere spalle piane e diritte, appunto del non averle, dal dover faticosamente trasformare la propria gobba in una prova d'amore del loro dio, e soprattutto sostituir ciò, senza ambagi, che essi hanno perduto e perdono colla loro gobba? Gli altri vanno a letto colle belle donne; loro non possono, e questo rimane, questo oltraggio è insopprimibile, checché il bieco sacerdote inventi per ridurre il tanto peggio in tanto meglio. O dunque bisognerà lasciar languire i gobbi nella loro inguaribile vedovanza? (pp. 59-60)
*In breve, eccomi ridotto come il tale cui il medico disse: "Già, lei sta male. Vediamo: fa troppo all'amore, passa le notti al gioco, beve, fuma?" e, ottenute altrettante risposte negative, soggiunse: "Ma allora, in nome di Dio, perché si ostina a vivere?" (p. 145)
===[[Explicit]]===
C'è qualcosa di impavido nel sonno dei morti.
 
==''Rien va''==
16 545

contributi