Differenze tra le versioni di "Eugène Delacroix"

(Annullata la modifica 986609 di Risto hot sir (discussione) c'è già l'immagine del suo ritratto)
Etichetta: Annulla
==Citazioni di Eugène Delacroix==
*Bisogna sempre guastare un po' il quadro per finirlo.<ref>Citato in ''Focus'' n. 93, p. 176.</ref>
*Dobbiamo essere molto audaci. Se non si osa, e perfino se non si osa fino in fondo, non esiste bellezza.<ref>Citato in AA.VV., ''Il libro dell'arte'', traduzione di Martina Dominici, Gribaudo, 2018, p. 243. ISBN 9788858018330</ref>
*L'[[avversità]] restituisce agli uomini tutte le virtù che la prosperità toglie loro.<ref>Da ''Journal''.</ref>
*[[Tiziano]] è uno di quelli che più si avvicinano all'ingegno dell'antico [...]. Coloro che in Tiziano non vedono che il maggiore dei coloristi sono in grande errore: lo è effettivamente, ma al contempo è il primo dei disegnatori.<ref name=diario>Dal ''Diario''; citato in Jean-Pierre Habert e Vincent Pomarède, ''Tiziano e la pittura del Cinquecento a Venezia: capolavori dal Louvre'', Linea d'ombra, 2004, p. 19.</ref>
*Tiziano, ecco un uomo fatto per essere apprezzato da chi diventa vecchio [...]. Le qualità del pittore sono portate in lui al punto più alto: ciò che fa è fatto: gli occhi guardano e sono animati dal fuoco della vita. La vita e la ragione sono ovunque.<ref name=diario/>
*{{NDR|Su [[Théophile Gautier]]}} Prende un quadro, lo descrive alla sua maniera, fa lui stesso un quadro che è affascinante, ma non ha fatto un atto di vera critica.
:''Il prend un tableau, le décrit à sa manière, fait lui même un tableau qui est charmant, mais il n'a pas fait un acte de véritable critique''.<ref>Citato in Lionello Venturi, '' Storia della critica d'arte'', Einaudi, Torino, 1966, p. 266.</ref>
*Si vede soltanto ciò che è interessante, mentre lo strumento include qualsiasi cosa.<ref>Da ''Journal'', 1853; citato in AA.VV., ''Il libro dell'arte'', traduzione di Martina Dominici, Gribaudo, 2018, p. 247. ISBN 9788858018330</ref>
*[[Tiziano]] è uno di quelli che più si avvicinano all'ingegno dell'antico [...]. Coloro che in Tiziano non vedono che il maggiore dei coloristi sono in grande errore: lo è effettivamente, ma al contempo è il primo dei disegnatori.<ref name=diario>Dal ''Diario''; citato in Jean-Pierre Habert e Vincent Pomarède, ''Tiziano e la pittura del Cinquecento a Venezia: capolavori dal Louvre'', Linea d'ombra, 2004, p. 19.</ref>
*Tiziano, ecco un uomo fatto per essere apprezzato da chi diventa vecchio [...]. Le qualità del pittore sono portate in lui al punto più alto: ciò che fa è fatto: gli occhi guardano e sono animati dal fuoco della vita. La vita e la ragione sono ovunque.<ref name=diario/>
*Tutta la [[natura]] porta un fardello e attende di essere consolata.<ref>Citato in ''Focus'' n. 70, p. 130.</ref>
*Visto [[Diego Velázquez|Velázquez]] [...] ecco quel che cercavo da tanti anni, un impasto netto e nello stesso tempo ricco di sfumature.<ref>Da ''Journal'', 1824; citato in ''Velázquez, I Classici dell'arte'', a cura di Elena Ragusa, Rizzoli/Skira, Milano, 2003, pp. 183-188.</ref>
26 784

contributi