Differenze tra le versioni di "Alberto Savinio"

Nessun cambiamento nella dimensione ,  8 mesi fa
Riportato nell'apposita già esistente sezione in ordine alfabetico, aggiunti in bibliografia riferimenti bibliografici dati dal collaboratore Ibisco. En passant: Nella voce Pendino di wikipedia c'è una doppia anagrafe per Savinio. Il Savinio che è in epigrafe, in nota diviene Savino.
(Riportato nell'apposita già esistente sezione in ordine alfabetico, aggiunti in bibliografia riferimenti bibliografici dati dal collaboratore Ibisco. En passant: Nella voce Pendino di wikipedia c'è una doppia anagrafe per Savinio. Il Savinio che è in epigrafe, in nota diviene Savino.)
 
*In Sicilia io rivivo la mia infanzia. Nella notte dei miei ricordi infantili, brillano le ruote, le stelle, i razzi dei fuochi artificiali. La pirotecnia è viva in Sicilia; forse in tutto il Mezzogiorno.<ref name=sici/>
*In Sicilia le donne sono in primo piano e in tutti i settori della vita sociale. Sicure, sciolte nei modi, nella parola, nell'abito.<ref name="dispersi" />
*L'enfasi, le inflessioni di voce, il linguaggio espressivo non sono se non il residuo del [[parola|parlare]] semeionico dell'uomo primitivo e del gesto passato nel suono. È un gestire con la voce. È il segno che ancora non ci si fida del significato puro della parola. È il segno che ancora non si riesce a vincere in noi lo scimmiesco. <ref> citato in Alberto Savinio, ''Nuova Enciclopedia'', p. 134, Adelphi, 1977</ref>
*L'idea di [[utopia]] è essenzialmente moderna. [...]. [[Modernità|Moderno]] è l'uomo che pensa con il cervello proprio, non per ispirazione e autorizzazione di un'autorità religiosa o politica.<ref name="sole">Dall'Introduzione a [[Tommaso Campanella]], ''La città del Sole'', Adelphi, Milano, 1995.</ref>
*L'[[utopia]] non fa se non rendere concreto e plastico, l'anelito antichissimo e diffuso a una vita migliore.<ref name="sole" />
 
==''Nuova enciclopedia''==
*L'enfasi, le inflessioni di voce, il linguaggio espressivo non sono se non il residuo del [[parola|parlare]] semeionico dell'uomo primitivo e del gesto passato nel suono. È un gestire con la voce. È il segno che ancora non ci si fida del significato puro della [[parola]]. È il segno che ancora non si riesce a vincere in noi lo scimmiesco. <ref>Da citato in Alberto SavinioAdelphi, ''Nuova Enciclopedia''1977, p. 134, Adelphi, 1977.</ref>
*L'[[europeismo]] è una [[civiltà]] di carattere non teocratico ma essenzialmente umano, e dunque suscettibile di [[progresso]] e di perfezionamento. L'europeismo è una forma di civiltà prettamente umana, e così prettamente umana che ogni intromissione del divino nell'europeismo, ogni tentativo di [[teocrazia]] in [[Europa]] è un ostacolo all'europeismo, un arresto della civiltà.<ref>Cfr. in ''Opere'', a cura di Leonardo Sciascia e Franco De Maria, Bompiani, 1989: «L'europeismo è una civiltà di carattere non teocratico ma essenzialmente umano, e dunque suscettibile di progresso e di perfezionamento. L'europeismo è una forma di civiltà prettamente umana, che ogni intromissione del divino nell'europeismo, ogni tentativo di teocrazia in Europa (fascismo, nazismo, ecc.) è un ostacolo all'europeismo, un arresto della civiltà "europea"».</ref>
*La [[cultura]] ha principalmente lo scopo di far conoscere ''molte'' cose. Più cose si conoscono, meno importanza si dà a ciascuna cosa: meno fede, meno fede ''assoluta''. Conoscere molte cose significa giudicarle più liberamente e dunque meglio. Meno cose si conoscono, più si crede che soltanto ''quelle'' esistono, soltanto ''quelle'' contano, soltanto ''quelle'' hanno importanza. Si arriva così al ''fanatismo'', ossia a conoscere una sola cosa e dunque a credere, ad avere fede ''soltanto'' in quella.
==Bibliografia==
*Alberto Savinio, ''Casa «La Vita»'', Adelphi, Milano, 1988.
*Alberto Savinio, ''Nuova enciclopedia'', Adelphi, 1977.
*Alberto Savinio, ''Nuova enciclopedia'', Adelphi, 2011.
*Alberto Savinio, ''Scritti dispersi. 1943-1952'', a cura di Paola Italia, Adelphi, Milano, 2004.