Differenze tra le versioni di "Hermann Göring"

==Citazioni di Hermann Göring==
*Io non ho nessuna coscienza! La mia coscienza è [[Adolf Hitler]].<ref>Citato in Theodor Schieder, ''Hermann Rauschning «Gespräche mit Hitler» als Geschichtsquelle'', Opladen 1972, p. 19, nota 25; citato in [[Joseph Ratzinger]], ''Euntes Docete'', Commentaria Urbaniana, Roma, XLIII/1990/3, p. 431-436; citato in ''[http://www.newmanfriendsinternational.org/italian/?p=50 Newman – uno dei grandi maestri della Chiesa]'', ''Centro Internazionale degli Amici di Newman''.</ref>
*La nostra è una lotta all'ultimo sangue, fino a quando il comunismo sarà totalmente estirpato dalla Germania.<ref>In AA.VV., ''Il libro della storia'', traduzione di Roberto Sorgo, Gribaudo, 2018. ISBN 9788858016572</ref>
*{{NDR|Sul rapporto con la [[Francia]]}} Nulla deve impedire ai nostri due grandi Popoli che tanto si stimano reciprocamente, di vivere in pace.<ref>Da un'intervista alla ''Agenzia Avas'', ''[http://www.archiviolastampa.it/component/option,com_lastampa/task,search/mod,libera/action,viewer/Itemid,3/page,1/articleid,1619_02_1938_0232_0001_23808313/ Un'intervista di Goering]'', riportato in ''La Stampa'', 30 settembre 1938.</ref>
*Ogni tentativo di salvare la popolazione dalla morte per inedia importando i viveri in eccedenza dalla zona della terra nera (la parte più fertile dell'[[Ucraina]]) andrebbe a spese del rifornimento dell'[[Europa]]. Ridurrebbe la capacità della [[Germania]] di far fronte ai propri bisogni durante la guerra e pregiudicherebbe la possibilità della Germania e dell'Europa di resistere al blocco. Ciò deve essere inteso in modo chiaro ed inequivocabile.<ref>Citato in Ennio Di Nolfo, ''Storia delle relazioni internazionali. {{small|Dal 1918 ai giorni nostri}}'', Editori Laterza, Roma, 2008, pagg. 397-398. ISBN 978-88-420-8734-2</ref>
26 785

contributi