Apri il menu principale

Modifiche

Rettifica delle indicazioni di provenienza e verifica, correzione e completamento dei passi latini, delle traduzioni e dei rimandi bibliografici.
===[[Incipit]]===
:''Omnis homines qui sese student praestare ceteris animalibus summa ope niti decet ne vitam silentio transeant veluti pecora, quae natura prona atque ventri oboedientia finxit''. (1,1)
:Tutti gli uomini che desiderano eccedere fra gli esseri del mondo, con ogni mezzo debbono prodigarsi per non condurre oscuramente la vita, come gli animali, che la natura ha foggiato con il capo rivolto a terra, e schiavi del ventre<ref name=":0">traduzione italiana tratta da Sallustio'', La congiura di Catilina,'' a cura di G. Pontiggia, Milano 2010</ref>
 
====Silvia Perezzani e Sandro Usai====
 
===Citazioni===
<br />
*Infatti la fama delle ricchezze e della bellezza è fugace e fragile, la virtù è considerata illustre ed eterna.
 
:''Nam divitiarum et formae gloria fluxa atque fragilis est, virtus clara aeternaque habetur''. (1.4)
*Infatti la fama delle ricchezze e della bellezza è fugace e fragile, la virtù è considerata illustre ed eterna.<ref name=":0" />
*Volere e non volere le stesse cose, questa è la vera amicizia.
 
:''Idem velle atque nolle, ea demum firma amicitia est''. (20, 4)
:''Nam divitiarum et formae gloria fluxa atque fragilis est, virtus clara aeternaque habetur''. (1.4)<ref name=":1">testo latino tratto da ''C.Sallusti Crispi Catilina. Iugurtha. Historiarum fragmenta selecta Appendix Sallustiana'' ,recognovit L.D. REYNOLDS, OXONII 1991 </ref>
*Più grande è la fortuna, tanto minore la libertà d'azione.
 
:''Ita in maxuma fortuna minuma licentia est''.(51, 13)
*Volere e non volere le stesse cose, questa è la vera amicizia.<ref name=":0" />
*Ma chi avrà da ridire su una punizione decretata contro assassini dello Stato? Le circostanze il tempo la sorte, il cui capriccio governa le genti.
 
:''At enim quis reprehendet quod in parricidas rei publicae decretum erit? Tempus dies fortuna, cuius lubido gentibus moderatur''.(51,25)
:''IdemNam idem velle atque idem nolle, ea demum firma amicitia est''. (20, 4)<ref name=":1" />
*Tutte le [[bontà e cattiveria|cattive]] azioni derivano e prendono a esempio delle [[bontà e cattiveria|buone]] azioni. (Cesare, commentando il precedente che costituirebbe la messa a morte di un cittadino romano: 51,27)
 
:''Omnia mala exempla ex rebus bonis orta sunt''.
*Più grande è la fortuna, tanto minore la libertà d'azione.<ref name=":0" />
*In una battaglia, massimo è sempre un pericolo per chi massimamente lo teme. Se la Fortuna fosse sfavorevole alla vostra prodezza, vedete di non morire invendicati. (Catilina)
 
:''Semper in proelio iis maximum est periculum, qui maxume timent. Si virtuti vostrae fortuna inviderit, cavete ne inulti animam amittatis''.
:''Ita in maxuma fortuna minuma licentia est''. (51, 13)<ref name=":1" />
 
*Ma chi avrà da ridire su una punizione decretata contro assassini dello Stato? Le circostanze il tempo la sorte, il cui capriccio governa le genti.<ref name=":0" />
 
:''At enim quis reprehendet quod in parricidas rei publicae decretum erit? Tempus dies fortuna, cuiusquoius lubido gentibus moderatur''.(51,25)<ref name=":1" />
 
*Tutte le [[bontà e cattiveria|cattive]] azioni derivano e prendono a esempio delle [[bontà e cattiveria|buone]] azioni. (Cesare, commentando il precedente che costituirebbe la messa a morte di un cittadino romano: 51,27)<ref name=":0" />
 
:''Omnia mala exempla ex rebus bonis orta sunt''.<ref name=":1" />
 
*È sempre chi ha più paura in battaglia a correr maggior pericolo [...] .Ma infine se la Fortuna fosse sfavorevole al vostro valore, io vi esorto a non perdere la vita invendicati. (Catilina)<ref name=":0" />
 
:''Semper in proelio iis maximummaxumum est periculum, qui maxume timent.[...] Quod Sisi virtuti vostrae fortuna inviderit, cavete ne inulti animam amittatis''. (58,17-21)<ref name=":1" />
 
====Silvia Perezzani e Sandro Usai====
*L'[[avidità]] non ama che il denaro, cosa non certo tipica dei saggi; questa forma di avidità è simile ad un veleno mortale; illanguidisce il corpo e l'animo dell'uomo; è sempre inesauribile e insaziabile, né l'abbondanza, né la penuria di mezzi riescono a placarla. (p. 27)
 
===Ritratto di Catilina (5,1-8)===
{|cellspacing=20 px
|''<small>'''1.'''</small> L. Catilina, nobili genere natus, fuit magna vi et animi et corporis, sed ingenio malo pravoque. <small>'''2.'''</small> Huic ab adulescentia bella intestina, caedes, rapinae, discordia civilis grata fuere, ibique iuventutem suam exercuit. <small>'''3.'''</small> Corpus patiens inediae, algoris, vigiliae supra quam cuiquam credibile est; <small>'''4.'''</small> animus audax, subdolus, varius, cuius rei lubet simulator ac dissimulator, alieni adpetens, sui profusus, ardens in cupiditatibus. <small>'''5.'''</small> Satis eloquentiae, sapientiae parum vastus animus immoderata, incredibilia, nimis alta semper cupiebat. <small>'''6.'''</small> Hunc post dominationem L. Sullae lubido maxuma invaserat rei publicae capiundae, neque id quibus modis adsequeretur, dum sibi regnum pararet, quicquam pensi habebat. <small>'''7.'''</small> Agitabatur magis magisque in dies animus ferox inopia rei familiaris et conscientia scelerum, quae utraque iis artibus auxerat quas supra memoravi. <small>'''8.'''</small> Incitabant praeterea corrupti civitatis mores, quos pessuma ac divorsa inter se mala, luxuria atque avaritia, vexabant.''<ref name=":1" />
|''<small>'''1.'''</small> Lucio Catilina, nato da una famiglia nobile, ebbefu grandeun forzauomo siadi d'animogrande siaenergia diintelletuale e corpofisica, ma di mentenatura maligna e cattiva. <small>'''2.'''</small> Fin dall'adolescenza atrovava questoil furonosuo graditepiacere lenelle guerre civili, lenelle stragi, lenelle rapine e lanella discordia civile, e lì trascorse la sua gioventù. <small>'''3.'''</small> Aveva un fisico capace di sopportare i digiuni, al freddo e alle veglie più di quanto sia credibile a ciascuno. <small>'''4.'''</small> L'animo audace, subdolo, mutevole, simulatore e dissimulatore di qualunque cosa, desideroavido delle cose altrui, sperperatore del proprio, ardente nei piaceri. <small>'''5.'''</small> Non privo di eloquenza, ma di poco giudizio: lun'[[indole]] insaziabile in lui desiderava sempre cose smodate, incredibili, al di sopra di sia credibile adtroppo alcunoalte. <small>'''6.'''</small> Dopo il dispotismo di Lucio Silla, lo assalì un desiderio grandissimo di impadronirsi dello Stato, e non dava importanza in quali modi otteneva ciò pur di procurarsi il potere. <small>'''7.'''</small> Sempre più di giorno in giorno l'animo fiero è turbato dalla mancanza di un patrimonio familiare e dalla consapevolezza dei misfatti, entrambefrutto cosetutti chee eglidue avevadella cresciuto con quei vizicondotta di cuivita che ho parlatogià prima ricordato. <small>'''8.'''</small> Inoltre lo incitavano i costumi corrotti deidella cittadinicittà, che due mali pessimi e diversi tra loro, lail [[lussuria]]lusso e l'[[avidità]], corrompevano.''<ref name=":0" />
|}
 
===Un drammatico confronto (31,1-9)===
{|cellspacing=20 px
|''<small>'''1.'''</small> QuibusQuis rebus permota civitas atque inmutata urbis facies erat. Ex summa laetitia atque scivialascivia, quae diuturna quies peperatpepererat, repente omnis tristitia invasit: <small>'''2.'''</small> festinare, trepidare, neque loco nec homini cuiquamquoiquam satis credere, neque bellum gerere, nequemneque pacem habere, suo quisque metu pericola metiri. <small>'''3.'''</small> Ad hoc mulieres, quibus rei publicae magnitudine belli timor insolitus incesserat, adflictare sese, manus supplicissupplices ad caelum tendere, miserari parvos liberos, rogitare, omnia, <omni rumore> pavere,<adripere omnia> superbia atque deliciis omissis sibi patriaeque diffidere. <small>'''4.'''</small> At Catilinae crudelis animus eadem illa movebat, tametsi presidiapraesidia parabantur et ipse lege Plautia interrogatus erat ab L. Paulo. <small>'''5.'''</small> Postremo, dissimulandi causa, aut sui expurgandi, sicubisicut iurgio lacessitus foret, in senatum venit. <small>'''6.'''</small> Tum M. Tullius consul, sive praesentiam eius timens, sive ira conimotusconmotus, orationem habuit luculentam atque utilem rei publicae, quam postea scriptam edidit. <small>'''7.'''</small> Sed ubi ille adsedit, Catilina, ut erat paratus ad dissimulanda omnia, defissodemisso voltu, voce supplici postulare a patribus coepit ne quid de se temere crederent; ea familia ortum, ita se ab adulescentia vitam instituisse ut omnia bona in spe haberet; ne existumarent sibi patricio homini, cuius ipsius atque maiorum pluruma beneficia in plebem Romanam essent, perdita re publica opus esse, cum eam servaret M. Tullius, inquilinus civis urbis Romae. <small>'''8.'''</small> Ad hoc maledicta alia cumquom adderet, obstrepere omnes, hostem atque parricidam vocare. <small>'''9.'''</small> Tum ille furibundus: «Quoniam quidem circumventus – inquit – ab inimicis praeceps agor, incendium ruina restinguam.»''<ref name=":1" />
|''<small>'''1.'''</small> ILa cittadinipopolazione erano statiera turbatisconvolta da queste notizie e l'aspetto della città era cambiato. Da una somma gioia e spensieratezza, che aveva procurato un lungo periodo di quiete, ben presto la malinconiamestizia invase tutti: <small>'''2.'''</small> si agiva in fretta, si trepidava, non ci si fidava abbastanza né delle circostanze né di nessun uomo, non si faceva la guerra, né si aveva la pace, ognuno misurava i pericoli secondo ildal proprio timore. <small>'''3.'''</small> Inoltre le donne, per le quali era diventato insolito il timore della guerra per la grandezza dello Stato, si affliggevano, tendevano le mani supplichevoli al cielo, si commiseravano percompassionavano i figli piccolifiglioletti, chiedevano con insistenza, temevano tutto, messi da parte la superbia e i piaceri non avevano fiducia in se stesse o nella patria. <small>'''4.'''</small> Ma Catilinadedidteva diil crudele animo crudeledi Catilina dai suoi fini portava avanti quei piani sebbene le difese fossero state preparate ed egli fosse stato messo sotto accusa da Lucio Paolo in base alla legge PlonziaPlozia. <small>'''5.'''</small> Infine, per dissimulare e per discolparsi, come se fosse stato provocato da un attacco, giunse in Senato. <small>'''6.'''</small> Allora il console Marco Tullio, sia poiché temeva la sua presenza, sia perché mosso dall'ira, tenne un discorso eloquente e vantaggioso per lo Stato, che in seguito rese per iscritto. <small>'''7.'''</small> Ma quando egli si sedette preparato com'era a fingere tutto, con il volto avvilito, con la voce supplichevole cominciò a chiedere ai senatori che non credessero qualcosa di lui sconsideratamente; egli disse che nato da quella famiglia aveva condotto una vita, fin dall'adolescenza in modo tale da sperare ogni bene; e disse loro di non pensare che lui, un patrizio i cui benefici e quelli dei suoi antenati verso la plebe romana erano moltissimi, avesse bisogno di distruggere lo Stato, mentre Marco Tullio inquilino nato fuori dalla città di Roma lo conservasse. <small>'''8.'''</small> Aggiungendo a queste anche altre ingiurie, tutti gridavano e lo chiamavano nemico e parricida. <small>'''9.'''</small> Allora quello disse furioso: «Poiché circondato da nemici sono spinto alla rovina, spegnerò il mio incendio con la rovina».''<ref name=":0" />
|}
 
7

contributi