Differenze tra le versioni di "Aulo Persio Flacco"

Rettifica edizioni di provenienza per passi latini e traduzione italiana
(→‎Citazioni: rettifica delle indicazioni dei passi di provenienza e delle traduzioni corrispondenti)
(Rettifica edizioni di provenienza per passi latini e traduzione italiana)
'''Aulo Persio Flacco''' (34 – 62), poeta satirico romano.
 
*Rifulga del doloso auro la speme, | E scioglier ti parranno ascreo concento | Corvi poeti, e piche poetesse''.'' (dal prologo alle ''Satire'', 12-13-14, p. 419)<ref name=Mon>traduzione di [[Vincenzo Monti]]; citato in Vincenzo Monti, ''Poesie'', Bernardo Virzì, Palermo 1855</ref>
*Poichè se brilli speranza del danaro ingannatore,| ti potrà capitare di credere che poeti corvi | e poetesse gazze stiano cantando il nettare di Pegaso<ref name=":0">Persio, ''Le satire'', con testo a fronte, introduzione e note di R. Scarcia, traduzione italiana di L. Canali, Milano 1986.</ref>.
 
<blockquote>''Quod si dolosi spes refulserit nummi, corvos poetas et poetridas picas cantare credas Pegaseium nectar.''</blockquote>
==''Satire''==
===[[Incipit]]===
O cure dei mortali! o quanto vuoto nelle cose!<ref name=":0" /><br> ''O curas hominum! o quantum est in rebus inane!''<ref name=":1">Testo latino tratto da A. Persius Flaccus, ''Saturarum liber,'' edidit W. Kissel, Berolini-Novi Eboraci 2007</ref>
Ahi, di che s'affannano gli uomini! O quanta vanità nelle cose!<br>
{{NDR|citato in [[Fruttero & Lucentini]], ''Íncipit'', Mondadori, 1993}}
 
===Citazioni===
*È bello essere additati, e sentir dire: "Eccolo, è lui!" (1, 28)<ref name=":0" />
:''Pulchrum est digito monstrari et dicier: hic est''!
*''Me ne vado: [[Gaio Lucilio|Lucilio]] morse a sangue la città, |e te, o Lupo<ref>Lucio Cornelio Lentulo Lupo.</ref>, e te, o Mucio<ref>Quinto Muzio Scevola Augure.</ref>... e ci si ruppe un molare.'' (1, 114-115)
:''Discedo. Secuit Lucilius urbem, | te Lupe, te, Muci, et genuinum fregit in illis.''
*Io ti conosco fin sotto la pelle. (3, 30)
:''Ego te intus et in cute novi''.
*Prevenite il morbo mentre arriva. (3, 64)
 
:''Pulchrum est digito monstrari et dicier: "hic est''!"<ref name=":1" />
:''Venienti occurrite morbo''!
*Nulla nasce dal nulla, nulla può tornare nel nulla. (3, 84)
: ''De nihilo nihilum, in nihilum nil posse reverti''.
*Vivi memore della morte; l'ora fugge, l'istante in cui ti parlo è già passato. (5, 153-154)
 
*''Me ne vado: [[Gaio Lucilio|Lucilio]] morse a sangue la città, |e te, o Lupo<ref>Lucio Cornelio Lentulo Lupo.</ref>, e te, o Mucio<ref>Quinto Muzio Scevola Augure.</ref>... e ci si ruppe un molare.'' (1, 114-115)<ref name=":0" />
''Vive memor leti; fugit hora, hoc quod loquor inde est.''
 
:''Discedo.? Secuit Lucilius urbem, | te Lupe, te, Muci, et genuinum fregit in illis.''<ref name=":1" />
 
*Io ti conosco fin sotto la pelle. (3, 30)<ref name=":0" />
 
:''Ego te intus et in cute novi''.<ref name=":1" />
 
*Prevenite il morbo mentre arriva. (3, 64)<ref name=":0" />
 
:''Venienti occurrite morbo''!<ref name=":1" />
 
*Nulla nasce dal nulla, nulla può tornare nel nulla. (3, 84)<ref name=":0" />
 
: ''De nihilo nihilum, in nihilum nil posse reverti''.<ref name=":1" />
 
*Vivi memore della morte; l'ora fugge, l'istante in cui ti parlo è già passato. (5, 153-154)<ref name=":0" />
 
''Vive memor leti; fugit hora, hoc quod loquor inde est.''<ref name=":1" />
 
<br />
 
*Quando la pietrosa gotta li avrà colpiti alle giunture, rami secchi d'un vecchio faggio, [...] (5, 58-59)<ref name=":0" />
 
''Cum lapidosa cheragra fregerit articulos, veteris ramalia fagi, [...].''<ref name=":1" />
 
==Note==
7

contributi