Differenze tra le versioni di "Aulo Persio Flacco"

→‎Citazioni: rettifica delle indicazioni dei passi di provenienza e delle traduzioni corrispondenti
(sposto frase da videogioco in disc., minuzie)
(→‎Citazioni: rettifica delle indicazioni dei passi di provenienza e delle traduzioni corrispondenti)
'''Aulo Persio Flacco''' (34 – 62), poeta satirico romano.
 
*''Rifulga del doloso auro la speme, | E scioglier ti parranno ascreo concento | Corvi poeti, e piche poetesse''.'' (dal prologo alle ''Satire'', p. 419)<ref name=Mon>traduzione di [[Vincenzo Monti]]; citato in Vincenzo Monti, ''Poesie'', Bernardo Virzì, Palermo 1855</ref>
*Poichè se brilli speranza del danaro ingannatore,| ti potrà capitare di credere che poeti corvi | e poetesse gazze stiano cantando il nettare di Pegaso.
 
<blockquote>''Quod si dolosi spes refulserit nummi, corvos poetas et poetridas picas cantare credas Pegaseium nectar.''</blockquote>
 
==''Satire''==
 
===Citazioni===
*È bello l'esseressere mostrato a ditoadditati, e sentirsisentir dire: È"Eccolo, è quello.lui!" (I1, 28)
:''Pulchrum est digito monstrari et dicier: hic est''.!
*''Me ne vado: [[Gaio Lucilio|Lucilio]] ha morsomorse a sangue la città, |e te, o Lupo<ref>Lucio Cornelio Lentulo Lupo.</ref>, e te, o MuzioMucio<ref>Quinto Muzio Scevola Augure.</ref>... e ci si è rottoruppe un molare.'' (I1, 114-115)
:''Discedo:. secuitSecuit Lucilius urbem, | te Lupe, te, Muci, et genuinum fregit in illis.''
*TiIo conobbiti dentroconosco efin fuorisotto dellala pelle. (III3, 30)
:[''Ego te] ''Intusintus et in cute novi''.
*Prevenite il morbo mentre arriva. (3, 64)
*Al [[malattia|male]] che giunge ponete subito rimedio.<ref>Citato in L. De Mauri, Angelo Paredi, Gabriele Nepi, ''5000 proverbi e motti latini'', Hoepli, 1995<sup>2</sup>.</ref> (III, 64)
 
:''Venienti occurrite morbo''.!
*Dal niente non può nascere niente e niente può finire in niente. (III, 83-84)
*Nulla nasce dal nulla, nulla può tornare nel nulla. (3, 84)
: ''De nihilo nihilum, in nihilum nil posse reverti''.
*''Pensa che dei morir, pensa che vano | Spettro e polve sarai; volan l'ore: | Il momento, in cui parlo, è già lontano.'' (''Quinta Satira'', p. 433)<ref name=Mon></ref>
*Vivi memore della morte; l'ora fugge, l'istante in cui ti parlo è già passato. (5, 153-154)
*[...] conoscerallo quando la [[gotta|chiragra]] reso avrà le sue giunture calcinate e secche come ramo reciso dall'annoso faggio [...] (V, 79-80<ref>Da ''Aulo Persio Flacco tradotto in prosa col testo a fronte ed annotazioni corrispondenti dal sacerdote Luigi Bruni'', F. Fernandes, 1836, [http://books.google.it/books?id=CEcOAAAAYAAJ&pg=PA107 p. 107].</ref>)
 
''Vive memor leti; fugit hora, hoc quod loquor inde est.''
 
<br />
 
*Quando la pietrosa gotta li avrà colpiti alle giunture, rami secchi d'un vecchio faggio, [...] (5, 58-59)
 
''Cum lapidosa cheragra fregerit articulos, veteris ramalia fagi, [...].''
 
==Note==
7

contributi