Apri il menu principale

Modifiche

nessun oggetto della modifica
==''La congiura di Catilina''==
===[[Incipit]]===
:''OmniaOmnis homines qui sese student praestare ceteris animalibus summa ope niti decet ne vitam silentio transeant veluti pecora, quae natura prona atque ventri oboedientia finxit''. (1,1)
 
====Silvia Perezzani e Sandro Usai====
===Citazioni===
*Infatti la fama delle ricchezze e della bellezza è fugace e fragile, la virtù è considerata illustre ed eterna.
:''Nam divitiarum et formae gloria fluxa atque fragilis est, virtus clara aeternaque habetur''. (1.4)
*Volere e non volere le stesse cose, questa è la vera amicizia. (XX, 4)
:''Idem velle atque nolle, ea demum firma amicitia est''. (20, 4)
*Più unogrande siè trovala infortuna, altotanto eminore menola èlibertà liberod'azione. (LI, 13)
:''InIta maximain maxuma fortuna minimaminuma licentia est''.(51, 13)
*MiMa sichi dirà:avrà chida potràridire biasimaresu quantouna sipunizione sarà stabilitodecretata contro deiassassini traditoridello Stato? Le circostanze il tempo la sorte, il cui capriccio governa le genti. (Cesare: 51,25)
:''At enim quis reprehendet quod in parricidas rei publicae decretum erit? Tempus dies fortuna, quoiuscuius lubido gentibus moderatur''.(51,25)
*Tutte le [[bontà e cattiveria|cattive]] azioni derivano e prendono a esempio delle [[bontà e cattiveria|buone]] azioni. (Cesare, commentando il precedente che costituirebbe la messa a morte di un cittadino romano: 51,27)
:''Omnia mala exempla ex rebus bonis orta sunt''.
7

contributi