Differenze tra le versioni di "Canti popolari"

*''<nowiki>'</nowiki>A signora donna [[Eleonora Pimentel Fonseca|Dïanora]] | che cantava 'ncoppa ô trïato | mo abballa 'mmiez' ô [[Piazza del Mercato (Napoli)|mercato]]. | Viva viva 'u papa santo | ch'ha mannato 'e cannuncine | pe' scaccià' li giacubine. | Viv' 'a forca e Mastu Donato<ref>Mastro Donato. Il boia incaricato di giustiziare i condannati.</ref> | Sant'Antonio sia prïato.''<ref>Citato in Molinari del Chiaro, p. 102.</ref>
*''All'arme all'arme! | la campana sona, | li Turche so' arrivat' a la marina. | Chi tene scarpe vecchie se l'assola, | ch'avimm' a fare 'nu luongo cammino. | Chi have grano lu pport' a la mola, | cumme ce mena ionna la farina! | Chi vò' 'mparare la mugliera bona, | 'na mazzïat' 'a ser' e 'n' at' 'a matina.''<ref>Citato in Luigi Molinari del Chiaro, ''[https://archive.org/stream/cantidelpopolon00chiagoog#page/n143/mode/2up/ Canti del popolo napoletano, {{Small|Raccolti e annotati da Luigi Molinaro del Chiaro}}]'', p. 125.</ref>
*''Capille d'oro, | capill'aunnate, | Cielo! che ghionna trezza che tenite! | Quann'a la fenestella v'affacciate | li ragge de lu sole 'ntartenite; | e quanno 'sti capille pettenate, | pure la terra tremmare facite!''<ref>Citato in Luigi Molinari del Chiaro, p. 159.</ref>
*''O quann'è bello de murire acciso | 'mmocca a la porta de la 'nnamorata! | L'anema se ne vola 'mparaviso | u cuorpo nse lu chiagne la scasata<ref>L'infelice, senza marito.</ref>.<ref>Citato in ''Canti e racconti del popolo italiano, pubblicati per cura di Domenico Comparetti ed Alessandro D'Ancona'', ''Canti delle provincie meridionali'', Ermanno Loescher, Roma/Torino/Firenze, 1871, [https://books.google.it/books?id=2Uo9AAAAYAAJ&lpg=PA58&ots=cPGSjXKEMz&dq=&pg=PA58#v=onepage&q&f=false p. 58].</ref>
*''Fenesta vascia e patrona crudele, | quanta suspire m'haie fatto iettare! | M'arde 'stu core cumme a 'na cannela, | Bella, quanno te sento annumenare. | Ohie, piglia la speriènza da la neve, | la neve è fredda e se fa maniare. | E tu cu' mmico si' tanta crudele, | muorto me vide e nu me vuò' aiutare!''<ref>Citati in Molinaro Del Chiaro, pp. 193-194</ref>